Jesi In Comune: "In Consiglio, la maggioranza respinge tutto e comunque" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi In Comune: “In Consiglio, la maggioranza respinge tutto e comunque”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La mozione proposta dal gruppo consiliare Jesi in comune e Laboratorio sinistra, che chiedeva all’Amministrazione di impegnarsi alla piena applicazione del protocollo d’intesa sugli appalti siglato dall’ANCI con le organizzazioni sindacali, è stata bocciata dalla maggioranza.

“In quel protocollo sono previste forme di tutela rafforzate delle condizioni dei lavoratori (per esempio la c.d. clausola sociale) e della qualità dei servizi – è il commento pubblicato dal consigliere comunale Samuele Animali su Jesiincomune.it – Ad ogni cambio d’appalto, in effetti, si ripropone il problema di operatori che prevalgono con ribassi d’asta ottenuti a scapito della garanzia di una retribuzione del lavoro giusta e proporzionata. Come si è visto nella recente vertenza dei dipendenti della ditta di pulizie, ma anche in passato (mense, servizi sociali).  Amministrazione e maggioranza hanno assunto una posizione sprezzante nei confronti dei lavoratori e dell’opposizione, affermando che il Comune già “fa già abbastanza”. Motivo in più, in teoria, per accettare un protocollo in cui Comune e OO.SS. si impegnano a collaborare su temi quali la legalità, il contrasto al lavoro nero e più in generale sulla condivisione di un percorso virtuoso volto ad evitare abusi e contenere la conflittualità.

Nella proposta di delibera con la quale si stabiliscono gli indirizzi per la nomina dei rappresentanti del Comune in Enti, aziende ed istituzioni, abbiamo chiesto anzitutto che fosse ripristinato un coinvolgimento del Consiglio comunale nel mantenere un collegamento con queste persone.

Inoltre abbiamo presentato un emendamento laddove si prevedeva, nella scelta di tali rappresentanti, la valorizzazione della “partecipazione femminile”.

La nostra proposta, sollevata fin dalla riunione della commissione consiliare, prevedeva semplicemente, ma convintamente, che la terminologia suddetta venisse sostituita  con la dovuta e corretta “parità di genere”, valorizzando appunto il giusto utilizzo delle parole. La maggioranza però, totalmente silente in sede di commissione, ha votato contro questo emendamento, per proporne direttamente in aula un altro in cui si parla di  “equilibrio di genere”. Senza motivare la contrarietà alla parola “parità”. L’emendamento è stato presentato dalla consigliera Elezi, componente della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche: evidentemente è bene parlare di parità in regione, ma non  a Jesi”.

Sulla questione della Torre Erap il gruppo consiliare Jesi in comune Laboratorio sinistra ha ribadito la necessità di un nuovo passaggio in Commissione e in Consiglio. “Vogliamo credere dunque che i lavori di costruzione non inizieranno subito: una discussione postuma aggiungerebbe al danno la beffa”.

“Da parte sua – puntualizza Samuele Animali – il Sindaco ha sostenuto che la colpa è anche dei cittadini che non si sono mossi per tempo. Ma chi avrebbe dovuto informare e predisporre efficaci politiche di partecipazione, se non l’amministrazione? Senza contare, e lo abbiamo già dimostrato carte alla mano, che se è vero che il piano di attuazione che comprendeva la torre erap è stato avviato da precedenti amministrazioni, è anche vero che – cambiata la situazione – quest’amministrazione non ha fatto nulla per dare uno stop anche quando avrebbe potuto farlo. Il Sindaco si deve assumere la responsabilità politica dell’opera, avendola chiaramente definita strategica per il Comune”.

Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra hanno sottoscritto e votato una mozione proposta dalla maggioranza sulla questione  Banca Marche, in cui si auspica un impegno delle istituzioni a tutela di azionisti e obbligazionisti che hanno avuto azzerati i loro investimenti: “Da parte nostra abbiamo tuttavia sottolineato l’importanza di distinguere i risparmiatori, anche piccoli azionisti con redditi modesti, da chi ha scelto di speculare da un punto di vista finanziario. Prendiamo atto che, quando c’è la volontà politica, questa amministrazione ritiene di poter trattare con un istituto bancario privato; ma non con l’Erap”,

Bocciato anche l’ulteriore emendamento di Jesi in comune – Laboratorio sinistra, nel quale si proponeva di estendere la convenzione col difensore civico regionale a tutta la durata della consiliatura.

“Che del resto era anche l’orientamento enunciato nella precedente convenzione stipulata prima delle elezioni, ma in quel caso la consiliatura era destinata ad esaurirsi di lì a poche settimane…  – è il commento di Animali – Nei previsti sei mesi, in effetti, a malapena si riuscirà a informare i cittadini e ad aprire le prime pratiche, che non potranno essere completate se c’è discontinuità nel servizio. Il Sindaco ha dimostrato di non credere in questa convenzione, affermando che il Comune ha poco personale e l’ingerenza del difensore civico sostanzialmente fa perdere tempo agli uffici (!). Siamo convinti al contrario, anche per esperienza diretta, che il difensore civico rappresenti non solo una forma di tutela dei cittadini, ma anche un investimento per l’amministrazione (che peraltro può recedere in ogni momento dalla convenzione), visto che previene cause giudiziarie e assicura pareri a costo zero per il comune. In verità il Comune firma questa convenzione suo malgrado, solo perché deve assicurare la formazione della commissione che si occuperà della valutazione di ammissibilità del referendum sullo spostamento della statua di Piazza Pergolesi. Insomma: come minoranza consiliare siamo di fronte a un muro di gomma e dovremo abituarci.  Ma una cosa è il Consiglio comunale, altra cosa è la città…”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.