Banner Aprile IH Victoria

Jesi in Comune: «La Lenti cacciata dal capo per insubordinazione»

JESI – Caso Lenti, la politica cittadina esprime le proprie considerazioni dopo la decisione del sindaco Massimo Bacci di revocare all’oramai ex assessore le deleghe assegnatele nel 2017. Cosa sia accaduto con certezza tra le pareto del palazzo comunale non è dato sapere, ciò che il sindaco ha dichiarato è che si è trattato di «una decisione assolutamente necessaria, al di là dell’attività svolta nel periodo del mandato assegnatole»  avendo  «la responsabilità di fare in modo che la squadra che compone la Giunta, gratificata del mandato ricevuto e del ruolo ricoperto, operi in piena sinergia e nella stessa direzione»

Per Jesi in Comune, gruppo consiliare all’opposizione, dalle parole del sindaco «si comprende soltanto che la Lenti è stata cacciata dal capo per insubordinazione» .

Inoltre «si vede bene pure che c’è stata una resa dei conti in Giunta. Di fronte all’inevitabile guerra strisciante in una maggioranza tenuta insieme molto dalla necessità di accontentare piccole e grandi botteghe prima o poi doveva succedere».

Jesi in Comune evidenzia: «Si dà il caso che il capro espiatorio coincida esattamente con il maggior azionista dell”azienda in termini di preferenze. E coincida con l’assessorato e la referente dell’area che aveva in appalto la partecipazione, dallo Statuto in avanti. Il che certifica un sostanziale fallimento: se ci fosse un un po’ più di autentica politica in questa amministrazione la riflessione dovrebbe virare dritta dritta sulla parola dimissioni. Ma sappiamo che il Sindaco si è sempre fatto vanto di schifare l’arte del governo della società, preferendo soffermarsi, autoreferenzialmente, sull’esaltazione a parole del fare e dei conti in ordine. Ora nemmeno più di quelli, visto che negli ultimi mesi a livello di debito abbiamo recuperato tutto quanto non era stato fatto in precedenza, senza contare i vari impegni per i finti project financing (piscina, casa di riposo e via discorrendo…). La defenestrazione della Lenti, quindi, non è altro che il certificato di un ulteriore fallimento di un’amministrazione solo in apparenza monolitica, ma in realtà imprigionata tra personalismi e piccoli interessi, a spese di una città che ha soprattutto fatto i conti con vecchi progetti, andando avanti per inerzia, accumulando qualche soddisfazione, a volte taroccata, ma soprattutto ritardi o talvolta arretramenti per quel che riguarda opere pubbliche, vitalità economica e produttiva, efficienza della macchina pubblica, attrattività…».

Probabilmente non è fatto davvero nulla sulla partecipazione vera, a partire dai consigli di quartiere, perché c’è un evidente difficoltà tra le fila della maggioranza. Certo è che in una “città regia” è bene non mettersi contro il re».

Anche Insieme Civico, gruppo un tempo rappresentato dal consigliere Marco Giampaoletti passato poi alla Lega, si domanda «come sia possibile questa azione da parte del caro sindaco, come si può escludere dalla giunta la persona della lista di maggioranza cittadina che ha ottenuto più preferenze in assoluto, addirittura più di qualche assessore poi riconfermato. Come si può sentire un elettore venendo a sapere di questa notizia? Ma ormai dal caro Bacci non ci si può aspettare altro che questo, se non la pensi come lui ed esprimi la tua contrarietà su qualche argomento sei fuori o vieni trattato con superficialità». E aggiunge: «Non ci resta ora che aspettare di sapere le vere motivazioni di questa scelta del sindaco che assolutamente non condividiamo». Parole di vicinanza anche da Emanuel Santoni: «Sicuramente il lavoro da svolgere in questo settore della politica cittadina è immenso ma è pur vero che Paola lo faceva con passione dimostrandosi sempre disponibile e collaborativa per cercare di risolvere i problemi».

 

 

1 Commento su Jesi in Comune: «La Lenti cacciata dal capo per insubordinazione»

  1. Conosciuta e stimata anche se per poco e’ stata la presidente dell’asp9 pur non sapendo cosa e successo a palazzo comunale rinnovo la mia stima.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.