Jesi in Comune: “Nascondere i poveri non significa garantire sicurezza”

JESI – “Nascondere i poveri non significa garantire sicurezza”: così interviene Jesi in Comune in merito all’ordine  del giorno del consiglio comunale di oggi (21 aprile) in cui si discuteva la mozione presentata dai consiglieri Marco Giampaoletti, Insieme civico, e Giancarlo Catani, Patto per Jesi, sull’attuazione dei dispositivi di legge contro l’accattonaggio e il rafforzamento della sicurezza cittadini. “E’ l’atteggiamento di chi guarda ai problemi con il respiro corto e lo sguardo basso della campagna elettorale – si legge in una nota stampa –  Magari facendo confusione e mettendo colpevolmente insieme questioni che non c’entrano nulla, come il cosiddetto (finto) decoro urbano e la revisione della legittima difesa, come provano a fare i consiglieri in questione, giusto per chiarire bene da che parte stanno”. Jesi in Comune che sostiene il candidato Samuele Animali, afferma, dati alla mano, di aver letto dalla stampa all’inizio del mese, che i carabinieri hanno registrato un calo dei furti commessi a Jesi del 34% rispetto allo stesso periodo del 2016: E ancora il Questore Oreste Capocasa, sempre all’inizio del mese, illustrando l’attività inerente il periodo aprile 2016 – marzo 2017 rispetto ad aprile 2015 – marzo 2016, aveva registrato -18,31% di furti, -41,09% di rapine, -80% di rapine in banca, -60% di rapine in casa. “Giampaoletti e Catani confondono i poveri (nostrani o d’importazione) con i delinquenti – ancora Jesi in Comune – noi che siamo “buonisti” pensiamo che allontanando i poveri dalle vie principali non avremo risolto un bel niente, ma solo messo un tappo alla nostra coscienza. Il contrasto al disagio si fa con le politiche sociali e non col sindaco-sceriffo. Almeno finché restiamo umani. Nessuno escluso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*