Jesi in Comune: «Per il Comune il Parco del Vallato va bene così»

JESI – Non passa in Consiglio comunale la mozione sul Parco del Vallato presentata da Jesi in Comune: «Ieri il nostro Consiglio comunale ha scritto un’altra pagina poco commendevole della sua storia – è il commento del consigliere (JiC) Samuele Animali – Dopo 5 ore e mezza di seduta (la metà delle quali  dedicata al conferimento di sacrosante onoreficienze e fotografie varie, presentazione di iniziative e comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio), si arriva a discutere la terza mozione che sono quasi le nove di sera».

Il consigliere afferma: «La maggioranza prima chiede di ritirare la mozione (così, tanto per dire…) poi la boccia, con le seguenti motivazioni: prima di fare qualsiasi cosa bisogna sentire l’assemblea organizzata da alcuni cittadini per il giorno 19; non si può mettere un bar al parco del Vallato; non si po’ incidere sul contratto in essere con l’associazione dei camperisti  valido fino al 2022. Dove sta il problema? Che nella mozione non c’era scritto niente di tutto di questo.
Pur di bocciare la mozione hanno discusso di un articolo di giornale e di qualche intervento sui social, ignorando il testo letterale. Nella mozione semplicemente si invitava il Comune a ‘prendere in considerazione’ la ‘possibilità di utilizzare in qualche maniera la casetta (si suggeriva un “esercizio commerciale e/o uno spazio pubblico”) perché rimanesse aperta durante il giorno’.
A voce i proponenti hanno spiegato e ripetuto che ogni cosa va fatta d’accordo con i camperisti o aspettando la scadenza del contratto, che vanno senz’altro sentiti i cittadini, che in ogni caso non dovrà esserci una mescita di alcolici (ma potrebbe essere per esempio un’associazione o una cooperativa che si occupa di artigianato, come – per dire – Recò, o di animazione sociale, come – per dire – una ludoteca; ma è bastato tirar fuori la questione e molte idee sono venute fuori, figuriamoci se si andasse verso un bando…).
La proposta era volutamente generica, preliminare e poco impegnativa, fondata esclusivamente sulla considerazione che la presenza di un’attività avrebbe reso più sicura la zona, almeno durante il giorno.
Niente da fare, evidentemente all’amministrazione va bene così, oppure tutti possono parlarne tranne l’amministrazione. Oppure, ancora, l’unica vero motivo (basta il coraggio di dirlo anziché trovare scuse…) sta nelle parole del consigliere Baleani: ‘A me sembra un problema di ordine pubblico più che un problema politico’»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*