Jesi in Comune: “Più chiarezza e apertura da parte della maggioranza”

JESI – Sgomento e indignazione per il Gruppo Consiliare Jesi in Comune – laboratorio sinistra per ciò che concerne l’abbattimento di alberi e privazione di verde nell’area destinata alla Torre Erap e il negato odg avente per oggetto “difesa della L. 194/1978 e condanna di quanto accaduto in consiglio comunale a Verona” da parte del Presidente del Consiglio comunale Massaccesi Daniele.

A fare da portavoce del Gruppo Consiliare, il presidente Filippo Cingolani, la consigliera Agnese Santarelli e Loredana Galano del coordinamento “194 Senza Obiezione”. Togliere il verde per fare posto ad altro cemento, questa è la prima questione sollevata dall’opposizione, “devastamento di quell’area verde in cui i bambini del quartiere andavano per giocare nel pomeriggio”, commenta il presidente Filippo Cingolani. Quei bambini adesso si ritrovano a giocare nei pressi della casa abbandonata dietro il parcheggio, andando incontro a pericoli quali l’instabilità della casa e la recinzione traballante. “Che mettessero allora mano ai due parchi vicini, gli orti pace e il campo boario”, questa la richiesta di Jesi in Comune e di chi nel quartiere ci vive. La zona pullula di rifiuti e il degrado è visibile a chiunque: “Che possano intervenire per una riqualificazione generale, per dare almeno uno sfogo ai bimbi e dare ossigeno, visto che ne stanno togliendo abbastanza”. Già una decina di alberi sono stati abbattuti nel quartiere San Giuseppe :“Ci avevano detto che per ogni albero abbattuto ne sarebbero stati piantati due – prosegue il presidente – ma non si sa né dove e né quando”. Altra preoccupazione riguarda l’ampliamento del Centro Ambiente adiacente al Campo Boario, si parla di un intervento di demolizione e manutenzione straordinaria su alcuni immobili e di sistemazione dell’area: “Un vero e proprio potenziamento del centro raccolta rifiuti – commenta la consigliera Agnese Santarelli – con il conseguente incremento di traffico e polveri, a diretto contatto con le scuole”.

Cambiando tema, la consigliera porta l’attenzione su un’altra questione altrettanto delicata: “Il presidente del Consiglio comunale Massaccesi Daniele ci ha negato l’odg avente per oggetto Difesa della L. 194/1978 e condanna di quanto accaduto in consiglio comunale a Verona poiché si tratterebbe di provvedimenti e riferimenti adottati da altri Consigli comunali. Quello che vogliamo fare è condannare ciò che è accaduto in consiglio comunale a Verona perché da noi reputato gravissimo”.

Il Consiglio comunale di Verona ha approvato una mozione che sostiene che la legge 194 “ha contribuito ad aumentare il ricorso all’aborto quale strumento contraccettivo e non ha affatto debellato l’aborto clandestino”, che “le statistiche annuali degli aborti mostrano un leggero calo negli anni, ma non tengono conto della varie pillole abortive: manca all’appello una popolazione di 6 milioni di bambini, che avrebbero impedito il sorgere dell’attuale crisi demografica”, ed inoltre che “l’obiezione di coscienza è garantita dall’art. 9 della legge 194 e non ostacola in alcun modo l’accesso all’aborto”. Inoltre, alla seduta del Consiglio comunale erano presenti anche alcune attiviste del movimento “NonUnaDiMeno” che sono state accolte dal consigliere di maggioranza Andrea Bacciga della lista “Battiti per Verona” con il saluto romano.

“L’applicazione della L. 194 ha invece contribuito a salvare la vita di molte donne – commenta Loredana Galano – consentendo loro di uscire dalla clandestinità. Ciò che il presidente del Consiglio comunale probabilmente non ha a in mente è l’elevato numero di obiettori di coscienza che ci sono, circa il 70% in Italia e pari addirittura al 100% nella città di Jesi”.

“Noi condanniamo fermamente il gesto del consigliere Andrea Bacciga e siamo altamente preoccupati per le deliberazioni presentante nel Consiglio comunale di Verona che hanno, di fatto, l’intento di ostacolare anche culturalmente l’applicazione della L. 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza e sul diritto all’autodeterminazione della donna”, commenta la consigliera Agnese Santarelli. Ciò che il Gruppo consiliare auspica è che tutte le istituzioni si impegnino a respingere iniziative volte a contrastare il legittimo ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza e ad assicura la promozione di tutte le azioni volte alla piena attuazione della legge, in ogni suo aspetto, per tutelare la vita delle donne.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*