Jesi In Comune, una mozione sui contenuti dei bandi per fornitura di beni e servizi

JESI – La prima mozione di Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra, con i consiglieri comunali Samuele Animali, Francesco Coltorti e Agnese Santarelli, è dedicata agli appalti pubblici. “Una formulazione dei bandi che non tutela i lavoratori è all’origine del recente sciopero dei lavoratori che si occupano delle pulizie in Comune, ma altri malesseri in passato si erano verificati per esempio per i lavoratori dei servizi sociali, delle mense….”

Gli appalti pubblici rappresentano più del 15% del Pil nazionale; ma la loro cattiva gestione, unitamente a una diffusa illegalità, alimenta il fenomeno della corruzione, che fa diminuire gli investimenti e aumentare il costo complessivo dei servizi appaltati.

La mozione intende impegnare  l’Ente e le sue controllate e partecipate a  tutelare l’occupazione in occasione dei subentri tra tra diversi soggetti vincitori di appalti e ad individuare clausole che garantiscano una retribuzione giusta e proporzionata. Si chiede inoltre che venga assicurata la piena applicazione del protocollo d’intesa sugli appalti sottoscritto tra Anci Marche e Organizzazioni Sindacali il 27/04/2017 e che venga assicurata l’applicazione della clausola sociale in occasione dei cambi di appalto, ivi compresa la previsione della cosiddetta “anzianità convenzionale”, per una maggiore tutela contro i licenziamenti illegittimi. Infine, che siano convocate le organizzazioni sindacali per condividere il percorso così delineato, a partire dalla necessità di monitorare la corretta applicazione dei CCNL vigenti e dalla necessità di risolvere le vertenze già in atto.

Comunicato da: Jesi in Comune

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*