Jesi in progress: sarà "la piccola Torino" e capofila nel progetto di area vasta | | Password Magazine
Lulù  

Jesi in progress: sarà "la piccola Torino" e capofila nel progetto di area vasta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi da piccola Milano a piccola Torino: è questo il futuro della città prospettato dai tecnici del Gruppo Numisma che, d’intesa con il Comune e Gruppo Maccaferri, ha condotto gli studi per definire un piano strategico di sviluppo della città.

La direzione sarà quella della coesione  e della cooperazione, in un contesto industriale, sociale, economico e culturale che aggregherà tutto il territorio della Vallesina, pensato in termini di “area vasta“. A Jesi spetterà il ruolo di capofila da cui far partire azioni di sviluppo concrete.

E’ questo il risultato dello studio presentato venerdì 16 dicembre alla stampa da Marco Marcatili, Responsabile Unità Strategie Urbane e Sviluppo Locale di Numisma alla presenza del sindaco di Jesi Massimo Bacci. Ci sono voluti circa 8-10 mesi per completare l’ intera attività di ricerca: 670 le interviste effettuate sul territorio  per sondare le opinioni delle popolazioni di Jesi e Vallesina; 70 gli stakeholder locali – tra imprenditori, commercianti, assessori, manager, insegnanti, amministratori e rappresentanti di associazioni –  incontrati e ascoltati; oltre 40 i partecipanti ai tre tavoli di lavoro dedicati a imprese, istituzioni territoriali e comunità.

Secondo quanto riportato dalle indagini, più di una start-up su quattro nella provincia di Ancona ha sede a Jesi: questo dato basterebbe già di per sé a collocare la città tra i nuovi centri di produzione marchigiana. Individuando nuove strategie per attrarre sempre più produttori, Jesi – attualmente in nuce – potrebbe essere la prima città nelle Marche a diventare polo propulsivo di crescita e sviluppo . In un contesto che, secondo le indagini, è già vivibile e accogliente – dove la maggior parte dei giovani sono inclini a metter radici e gli stranieri trovano basi idonee per l’integrazione – esistono aree progettuali per rispondere a sfide cross settoriali. Ad iniziare dalla cultura e dal turismo: se il centro di Jesi è per molti cittadini e residenti in Vallesina già meta ideale per trascorrere il tempo libero – grazie alla presenza di cinema, pub, ristoranti, teatri, mostre e biblioteche  – occorrerà adottare misure per incrementarne l’attrattività: tradotto in termini pratici, si tratterà di portare a completamento il progetto di riqualificazione di corso Matteotti e piazza Pergolesi, ultimare i lavori al Museo Archeologico, in via di arrivo insieme al Museo Stupor Mundi, e convertire  l’area dell’ex ospedale – che sarà demolito nell’autunno prossimo – alla logica di ricettività e integrazione con le esigenze del resto del centro storico, ricavandone strutture alberghiere o maxi parcheggi.

Neo industrializzazione, neo infrastrutturazione e neo destinazione: le altre sfide progettuali riguarderanno l’area ex Sadam, pensata per diventare un parco scientifico e tecnologico; il nuovo polo della scherma che, grazie alla collaborazione con l’Università di Ancona, diventerà un brand territoriale; l’Interporto regionale, nell’ottica di accrescerne il ruolo per la Vallesina.

A prevalere sarà sempre il principio della sussidiarietà, di modo che il Comune più grande condivida servizi con gli altri, così come sta già accadendo nei settori del sociale del trasporto pubblico.

“Sono soddisfatto per il lavoro di ricerca svolto  – fa sapere il sindaco Bacci – Ogni dato raccolto sarà tradotto in un’azione concreta. Anche la Regione, con cui c’è interazione, ha espresso apprezzamenti”.

Le indagini complete saranno illustrate alla cittadinanza all’incontro pubblico che si svolgerà il prossimo 15 febbraio, al teatro Pergolesi.

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.