Banner Aprile IH Victoria

Jesi, in Terapia Intensiva pazienti meno soli con videochiamate e cure umanizzate

Un paziente in videochiamata con un familiare grazie al tablet donato da Iom

JESI – Una drammatica situazione di emergenza, in cui il personale medico è chiamato non solo ad offrire costantemente assistenza e cure ma anche tanta umanità. Tutto questo accade all’ospedale Carlo Urbani ogni giorno e, in particolare, al reparto di Terapia Intensiva, diretta dal dottor Tonino Bernacconi, che è passata dagli 8 ai 15 posti letto. Il primo ricovero di un paziente affetto da Covid 19 è avvenuto esattamente un mese fa, garantendo già da allora la massima assistenza in termini di terapia sistemica e ventilatoria, come da protocolli e linee guida nazionali.

L’ampliamento del numero di posti disponibili è stato possibile grazie all’utilizzo dei locali dell’U.T.I.C., a sua volta trasferita in altra sezione ospedaliera. Successivamente è stata avviata anche una collaborazione con i colleghi della Medicina Interna e Pneumologia per la cura dei Degenti ricoverati nei 18 posti letto di Terapia Semintensiva. L’assistenza del maggior numero di pazienti che necessitano di cure intensive è stata resa possibile oltre che dall’attività dei Medici, Infermieri ed OSS  dell’Unità Operativa di Terapia Intensiva anche dalla disponibilità alla ricollocazione offerta da parte di molti Infermieri ed OSS appartenenti ad altre Unità Operative.

«In questa emergenza nazionale – fa sapere la direzione ospedaliera- il personale medico ha sempre continuato a garantire per tutti i pazienti ospedalizzati il più opportuno trattamento, intensivo, semintensivo o palliativo, in base alle loro condizioni cliniche, ha sempre garantito, tramite mezzo telefonico, informazioni quotidiane veritiere, inequivocabili ed argomentate ai familiari dei Degenti».  Soluzioni anche per combattere il virus della solitudine e dell’isolamento, un vero e proprio dramma nel dramma che riguarda familiari e pazienti: «Nonostante le difficoltà – continua la direzione – La Terapia Intensiva ha infine portato avanti il progetto di umanizzazione delle cure consentendo contatti telefonici diretti tra i pazienti risvegliati in Terapia intensiva
e i loro familiari». A tal proposito, va ricordato che lo IOM Jesi e Vallesina, onlus che si occupa di assistenza di malati oncologici, qualche settimana fa aveva donato al Carlo Urbani quattro tablet dotati di scheda telefonica per consentire le videochiamate tra pazienti e familiari.

Inoltre, al dipartimento di Salute Mentale è in corso di attivazione un servizio psicologico cerniera tra medici pazienti e famiglie per facilitare la comunicazione e ripristinare un dialogo per i pazienti in isolamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.