Jesi, inaugurata la mattonella dell’inciampo: «Un frammento di vita di Giulio Ottolenghi»

JESI – Si è svolta questa mattina, lunedì 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, l’ inaugurazione della mattonella “d’inciampo”, situata in via Largo Grammercato.

La cerimonia ha visto la partecipazione del vice sindaco Luca Butini, del presidente del Consiglio Comunale Daniele Massaccesi, consiglieri e dipendenti del Comune, associazioni quali ANPI, ANFI e l’Associazione Artiglieri Italia- sezione Jesina, studenti.

Presenti anche gli studenti dell’Istituto Galileo Galilei, nello specifico gli alunni della classe 1B Bit, i quali hanno dedicato a Giulio Ottolenghi una cartolina, che riportava le seguenti parole: “Caro Giulio, finalmente sei tornato da quel lontano ’44, il tuo nome risplende nella tua città. Quante volte abbiamo camminato distratti per le stesse vie, forse abbiamo avuto paura negli stessi vicoli, chissà se ci siamo incontrati nelle stesse panchine. Noi conosciamo appena il tuo volto, ma da oggi proveremo ad essere testimoni della tua storia, perché come recita il “Talmud”, una persona viene dimenticata soltanto quando viene dimenticato il suo nome. Per questo vogliamo diventare noi pietre d’inciampo, mantenere viva la tua memoria e quella degli altri nell’anima delle generazioni future”.

La pietra “d’inciampo” visivo infatti, è intitolata allo jesino Giulio Ottolenghi:  “Rappresenta solo un frammento della sua esistenza” ha raccontato il dottor Marco Labate dell’Istituto Storia Marche, membro del Tavolo della Memoria. Di Ottolenghi sappiamo ben poco: classe 1893, nel 1943 fu arrestato, deportato ad Auschwitz, dove fu assassinato l’anno seguente. Si sa che abitava proprio nella zona del Prato, che si era trasferito poi per lavoro a Milano, nulla di più. Neanche se c’è ancora qualcuno dei suoi parenti ancora in vita.

Questa di Jesi, come ha spiegato Labate, è la ventiseiesima mattonella d’inciampo nelle Marche: in Italia è una tipologia di monumento diffuso, l’inciampo non è fisico ma visivo. Al passaggio, non solo si è tentati ad avvicinarsi, ma anche a chinarsi per leggere la targa d’intitolazione. Delle totali 1050 presenti in Italia, 9 sono state inaugurate in questa giornata nella provincia: 7 in Ancona, una ad Osimo, e la nona a Jesi.

Al termine della cerimonia tutti gli studenti hanno posto dei sassolini bianchi attorno alla mattonella per salutare e rendere omaggio non solo a Giulio Ottolenghi, ma a tutte le vittime che, come lui, hanno perso la vita durante lo sterminio ebreo.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.