Jesi, inaugurato il nuovo centro Alzheimer | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Jesi, inaugurato il nuovo centro Alzheimer

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- È stata ufficialmente inaugurata questa mattina alla presenza delle massime autorità cittadine, tra cui il sindaco di Jesi Massimo Bacci, l’assessore alla Sanità Marialuisa Quaglieri, il presidente di Asp ambito IX Matteo Marasca il nuovo centro per l’Alzheimer di Jesi, una struttura modello a livello nazionale per la particolarità delle soluzioni progettuali che sono state orientate sulla base degli studi medici effettuati sui pazienti affetti da questa patologia degenerativa, attraverso una collaborazione con l’Università di Firenze.

D165ABA3-3840-4342-AE81-3C9DF8114B34

La realizzazione del centro è stata effettuata grazie alla donazione di Cassio Morosetti per 800 mila euro e la sua gestione è stata affidata all’ASP ambito IX.

CA5E83DF-911A-48C8-A1E2-B833C5FE4A1D

Saranno in tutto 20 gli ospiti della struttura , che è operativa come centro diurno e che vuole diventare un fondamentale supporto sia per i malati, sia per i loro familiari attraverso il confronto e la partecipazione.

49BEA732-6312-4E03-B328-C7AC3CA4DFC2 DD4A1A40-F8D3-49F5-BFF1-34FA5F680148

La particolarità che lo distingue dalla stragrande maggioranza di strutture simili è innanzitutto legata al fatto che è uno dei pochissimi esempi di edifici realizzati ex novo, e dunque senza riadattare edifici esistenti che, per caratteristiche strutturali e architettoniche, difficilmente si potrebbero prestare per questa particolare tipologia di utenza. Secondariamente perché pensato e costruito specificatamente secondo le più moderne tecniche di ingegneria medica applicata ai malati di Alzheimer.

Con strutture portanti in legno per la massima efficacia antisismica e pannelli fotovoltaici per produrre l’energia necessaria, l’edificio si sviluppa su 400 metri quadrati: un solo piano – dotato di cucina, servizi, sala mensa e stanze per attività e riposo – e con un percorso centrale ad anello che permette agli utenti di compiere un percorso quotidiano bilanciato in funzione della loro particolare patologia. Ogni ambiente ha un colore specifico in funzione dello stesso: nella stanza riposo colori tenuti, nella stanza dove si svolgeranno le attività, colori più dinamici. Anche l’esterno, che in questi giorni è oggetto di un apposito intervento, è studiato proprio per favorire la migliore attività degli ospiti, secondo precise linee guida.

Tra gli obiettivi di comune e Asp c’è quello di far sì che diventi il punto di riferimento di tutti coloro che operano nel settore dell’Alzheimer, potendo ospitare incontri di formazione o di approfondimento con gli operatori dell’Asur, di chi opera nel sociale, dall’associazione formata dai parenti degli ospiti. 

Grande soddisfazione e gratitudine è stata espressa dal sindaco Bacci, che dopo aver portato i saluti dell’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltarmartini, ha rivendicato con orgoglio il forte impegno dell’amministrazione jesini sui temi del sociale. «Dal 2013 al 2021 il sistema di walfare jesino è passato da 13 a 26 milioni di euro, abbiamo rafforzato il potere di Asp e dato fiducia a chi gestisce questa azienda, raggiungendo obiettivi molto importanti.

Abbiamo mantenuto una promessa fatta con le famiglie dei malati di Alzhaimer e siamo orgogliosi di avere a Jesi una struttura di servizi sociali che non ha niente a che invidiare con le altre grandi città italiane».

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore Quaglieri che ringrazia tutti i partner che hanno partecipato a questo progetto: «Grazie all’unione e alla collaborazione dei nostri partner siamo riusciti a realizzare un centro dove tutti gli stakeholder possono incontrarsi e confrontarsi per il bene dei malati – ha detto -. In questo momento di pandemia vedere queste persone felici nello stare insieme è un grande risultato e ci fa rendere fieri di ciò che è stato realizzato».

Anche Matteo Marasca, presidente Asp ha espresso la sua soddisfazione sottolineando come sia proficua la collaborazione tra Comune e Asp per lo sviluppo di un importante sistema di servizi sociali che si sta creando a Jesi:  «Quando un comune e un azienda pubblica riescono nella realizzazione di determinati progetti per il sociale, questo non può che farci rendere orgogliosi di come la nostra città si occupi di questi temi».

Ha poi ringraziato le istituzioni per il forte supporto e la presidente dell’Associazione Alzhaimer Marche Sara Secondini, che ha evidenziato come sia importante per le famiglie sapere che gli enti sono presenti e che non sono sole.

A livello operativo la struttura sarà gestita dalla Cooperativa Cooss Marche in collaborazione con Vivicare e Ademon.

Tra i partner più volte menzionati e ringraziati dalle varie istituzioni figurano il Lions Club e il Rotary club, che hanno fortemente sostenuto la realizzazione di questo centro.

La cerimonia d’inaugurazione è stata animata dalla musica del violinista Marco Santini.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.