Jesi invasa dai Pokèmon, in tanti con lo smartphone a caccia di alieni | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi invasa dai Pokèmon, in tanti con lo smartphone a caccia di alieni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI – Spopola anche a Jesi Pokèmon Go, il gioco per smartphone che permette di catturare i Pokémon spostandosi nel mondo reale. Nel settore della tecnologia è la cosa di cui si parla di più in questi giorni: il gioco è  in Italia da ieri, gratuitamente disponibile sia su Play Store che su Apple Store. In un giorno è diventato il più popolare gioco di sempre:  giornali e i siti di news ne discutono da settimane, e soprattutto le azioni Nintendo – la società di videogiochi dietro Pokémon Go – sono salite del 50 per cento in una settimana, facendone aumentare il valore di 9 miliardi.

Il gioco consiste nell’individuare i Pokèmon nascosti in città ed individuarli attraverso la mappa che si attiva sul telefonino: e così da ieri, questi “alieni” della realtà virtuale hanno invaso anche a Jesi, nascondendosi dietro il monumento a Pergolesi, nelle vie del centro, lungo il Corso o persino dentro casa. Se in questi giorni vi capita di vedere in strada, al mare o davanti a una chiesa o un monumento giovani (di ogni età) che sembrano seguire una traccia osservando lo smartphone e all’improvviso si agitano davanti lo schermo per poi riprendere la strada sempre con lo sguardo fisso sul telefonino, tranquilli:  stanno giocando a Pokemon GO.

Il miracolo è frutto dell’interazione di tecnologie che ogni smartphone possiede: la telecamera e il navigatore Gps, più ovviamente la app (gratuita) di Nintendo. Che ha ripescato i vecchi Pokémon, inventati nel 1996 da Satoshi Tajiri e li ha trasportati sul pianeta Terra grazie alle mappe che ci permettono già da tempo di “visitare” qualunque città al mondo. In estrema sintesi i giocatori devono catturare i Pokémon esplorando il mondo reale con la “realtà aumentata”, ovvero la tecnologia che aggiunge elementi digitali alle immagini del mondo vero.

Forse un po’ inquietante vedere, in un venerdì sera d’estate, frotte di ragazzi girare in centro per cercare i Pokèmon: c’è chi lo fa mentre porta a spasso il cane, chi in compagnia della fidanzata o chi si è organizzato addirittura in gruppo. All’improvviso scompaiono dietro un palazzo urlando “Attenzione sta saltellando!”, qualcun altro mentre fissa lo schermo, sentendosi osservato, ci ride su: “Mi sa che è un principio di autismo!”. Poi ci sono quei ragazzi che passano serata dietro il centro commerciale La Fornace dove, secondo la mappa di Pokemon Go, risiederebbe una delle famose palestre dei Pokèmon.

Insomma,  una vera rivoluzione che si è diffusa ovunque e coinvolto chiunque, in ogni angolo del pianeta. Il vero dubbio è se un gioco che sprona i giocatori ad uscire di casa per potersi divertire, invece che rimanere incollati al divano, abbia i ben sperati effetti positivi sulle abitudini e sullo stile di vita di un individuo. O se rischiare di confondere il mondo reale con quello virtuale sottragga sempre più attenzione a ciò che ci circonda, trasformando noi stessi in alieni della quotidianità.

Chiara Cascio

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.