Jesi, istituita la Consulta al Turismo | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, istituita la Consulta al Turismo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Su proposta del Consigliere comunale Giancarlo Catani, nasce la Consulta del Turismo, un organismo di supporto all’Amministrazione che mette in relazione Comune, associazioni di categoria, attività ricettive e operatori del settore. 

Nasce ufficialmente la Consulta del Turismo che dovrà supportare l’Amministrazione comunale in un settore che sta acquistando sempre più centralità e rispetto al quale le potenzialità sono ancora enormi.

Il Consiglio comunale, nella sua ultima seduta, ha infatti accolto la proposta formulata dal consigliere delegato Giancarlo Catani di istituire questo organismo che si esprime attraverso una assemblea generale composta da rappresentanti della stessa Amministrazione comunale, delle associazioni di categoria e delle attività ricettive, delle agenzie turistiche, di Fai, Archeoclub, Touring Club, di guide turistiche e dell’Ostello di Villa Borgognoni.

“Compito della Consulta sarà quello di supportare, programmare e definire gli obiettivi promossi dall’Amministrazione comunale in materia di turismo, suggerendo iniziative e attività mirate alla crescita del settore – spiega il Consigliere Giancarlo Catani – Alla base, l’idea di creare un punto di riferimento unico  in grado di relazionare e aprire il dialogo tra Comune, associazioni, operatori, strutture ricettive e dell’accoglienza.  In cantiere ci sono già alcuni progetti: la speranza è quella promuovere e incrementare sempre più l’attività turistica in città, in un’ottica di partecipazione e sinergia tra i soggetti coinvolti”.

Un momento di incontro e confronto, dunque, tra tutti i soggetti a qualsiasi titolo legati al mondo del turismo, con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze del territorio e creare occasioni per favorire l’incoming di visitatori nella nostra città, sulla base di proposte culturali, sportive, paesaggistiche, sociali, enogastronomiche. Ovviamente la partecipazione alla Consulta è gratuita e non prevede alcun tipo di rimborso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.