Jesi, istituzioni e cittadini in piazza per la Pace. - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, istituzioni e cittadini in piazza per la Pace.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- «Pace unico futuro possibile», è questo il nome della manifestazione tenutasi questo pomeriggio a Jesi contro la guerra, a sostegno del popolo ucraino.

Il corteo, partito da Porta Valle e proseguito in via Torrione, Costa del Montirozzo, Porta Bersaglieri e via delle Terme, Piazza Federico II, via Pergolesi e conclusosi in Piazza della Repubblica, ha visto una forte partecipazione di cittadini, politici, associazioni.

20220312_175042

Da segnalare la forte presenza di bambini che con i loro cartelloni hanno colorato la manifestazione.

Una gremita piazza della Repubblica è stato il teatro degli interventi delle istituzioni e dei rappresentanti delle consulte del comune di Jesi e delle associazioni.

«Non è razionalmente giustificabile una invasione del genere – chiosa il Sindaco Massimo Bacci– tuttavia si trovano molte motivazioni a favore del popolo ucraino contro la guerra, per la pace.

Con orgoglio possiamo dire che Jesi sarà in grado di organizzare una reale e concreta accoglienza  dei profughi ucraini».

20220312_182928

«Una marcia per il futuro perché solo la pace può garantire un futuro in libertà per i giovani». Questo è il nocciolo dell’intervento di Lucia Donzelli, presidente della Consulta delle nuove generazioni, ente promotrice dell’evento.

«Un’educazione alla pace, attraverso un percorso scolastico» è quanto chiede El Mustafa Drissi, presidente della Consulta della pace che insiste: “La nostra più grande battaglia che dobbiamo combattere lo possiamo fare solo tramite lo spirito critico e l’autonomia di pensiero e scelta».

Dello stesso avviso la presidente della consulta per le Donne Gianfranca Schiavoni: «La pace va perseguita anche nella quotidianità. Quello che stiamo vivendo è inaccettabile, non dobbiamo smettere e dobbiamo combattere per la pace».

Agli interventi istituzionali sono seguiti quelli di alcuni studenti del ISS MARCONI di Jesi che la scorsa settimana hanno organizzato un’assemblea di Istituto straordinaria a seguito dello scoppio della guerra per testimoniare vicinanza e sensibilizzare.

Grande emozione quando ha preso la parola Alex, studente al quinto anno di origine ucraina che ha raccontato della vicinanza al suo popolo, dei suoi amici arruolati in esercito e della preoccupazione per i suoi parenti.

In seguito sono state lette delle poesie dai bambini della scuola Gemma Perchi di Jesi.

Molte le associazioni anche religiose intervenute: hanno infatti preso la parola sul palco i rappresentanti di Cartas e Adra.

La manifestazione si è conclusa sulle note de “Il mio nome è mai più” di Jovanotti.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.