Jesi Jazz Festival, al via la 6^ edizione nel centro storico | | Password Magazine

Jesi Jazz Festival, al via la 6^ edizione nel centro storico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Torna a Jesi per la sesta edizione il “Jazz Festival” per una tre giorni da non perdere

La manifestazione tanto attesa dagli appassionati e curiosi di Jazz inebrierà la città di Jesi da mercoledì 1°agosto a venerdì 3 agosto: la rassegna anticipa il programma del XVIII Festival Pergolesi Spontini di settembre nell’ambito di un percorso di “Festival in progress”, proponendo ogni sera due concerti con alcuni dei protagonisti della scena jazzistica nazionale e internazionale. “Quest’anno abbiamo voluto dedicare ad ogni serata, un tema diverso – commenta Samuele Garofoli della direzione artistica – Il primo riguarda la canzone per far vedere come il tema jazz possa cambiare di continuo; la seconda serata sarà a tema rock e l’ultima sarà dedicata allo standard jazz”.

Promosso dal Comune di Jesi in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini, quest’anno il Festival sarà accompagnato dalla mostra “A tempo di Jazz” del Circolo Culturale Jesino “Massimo Ferretti” che resterà aperta fino a domenica 5 agosto, fruibile dalle 17,30 alle 20.

“È ormai divenuta una presenza fissa quella del Jazz Festival a Jesi – commenta l’assessore alla cultura Luca Butini – ed è positivo perché ci dà massima visibilità a livello nazionale. Ed ogni anno siamo fieri di vedere il numero di spettatori aumentare, significa che stiamo andando nella giusta direzione”.

Ma entriamo ora nel vivo della rassegna.

Si parte mercoledì 1 agosto alle 21,30 in Piazza delle Monachette con due concerti con ingresso a pagamento. Il primo, dal titolo “Chansons!”, descrive due mondi vicinissimi e che da sempre si osservano con reciproca curiosità e si influenzano a vicenda: l’Italia e la Francia, due grandi tradizioni musicali che si stringono la mano e si alleano. Sul palco: Fabio Zeppetella alla chitarra, Amedeo Ariano alla batteria, Emanuel Bex all’organo hammond e Geraldine Laurent al sax alto. Il quartetto interpreterà undici canzoni che raccontano al meglio la tradizione musicale cantautorale dei due paesi: da Bruno Martino passando per De Andrè e De Gregori e arrivando a Pino Daniele per l’Italia e Jacques Brel, Leo Ferrè, Yves Montand e Joe Dassin per la Francia. A seguire, nella stessa location si assisterà al concerto della formazione composta da Susanna Stivali voce, Amanda Tiffin voce, Mike Rossi sax, Guillherme Ribeiro piano e fisarmonica, Gabriele Pesaresi contrabbasso e Roberto Desiderio batteria. In collaborazione con Arcevia Jazz Feast, l’esibizione di questo grande ensemble di magnifici professionisti segna una serata all’insegna dell’internazionalità con Amanda Tiffin, grande cantante sudafricana e Guillherme Ribeiro, pianista, tastierista, fisarmonicista e compositore brasiliano di immenso talento.

I concerti di giovedì 2 agosto saranno ad ingresso libero e si spostano nel cuore della città, Piazza Federico II. La serata verrà aperta alle 21,30 dal concerto della leggenda del jazz italiano, Enzo Pietropaoli, che si esibisce al basso elettrico con Enrico Zanisi al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria in un omaggio al festival di Woodstook dell’agosto 1969. Il repertorio comprende brani di Santana, The Who, Janis Joplin, Joan Baez, Joe Cocker, Creedence Clearwater Revival, Sly And The Family Stone, Jimi Hendrix arrangiati in chiave contemporanea da Enzo Pietropaoli. A seguire, un altro omaggio a una storica band della scena musicale contemporanea, la band alternative rock dei Radiohead: sul palco saliranno Anna Laura Alvear Calderon voce, Diego Donati chitarra, Stefano Coppari chitarra, Lorenzo Scipioni contrabbasso e Stefano Paolini batteria. Saranno presenti anche un quartetto d’archi: il risultato è una completa e originalissima rivisitazione dei brani dei Radiohead con sonorità molto particolari.

Venerdì 3 agosto i concerti ritorneranno in Piazza delle Monachette, a pagamento. Si partirà alle 21,30 con il trio Leo Caligiuri al piano, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Christian “Chicco” Capiozzo alla batteria. Il trio propone un repertorio di brani inediti, rivisitazioni personali di standard jazz e brani del repertorio pop internazionale. E di livello mondiale sono i due musicisti che li affiancano in questa occasione: il trombettista Flavio Boltro, sicuramente una delle più prestigiose firme del jazz ed il sassofonista Stefano Di Battista, uno dei personaggi più brillanti e interessanti del jazz italiano di oggi. E per concludere, il concerto della band composta da John Michael Mawshie al beatbox ed elettronica, Emilio Marinelli al pianoforte e tastiere, Gabriele Pesaresi al basso elettrico e Stefano Paolini alla batteria. Il band leader, pianista, compositore e arrangiatore, Emilio Marinelli ci propone moderne ed elettroniche contaminazioni del Jazz contemporaneo.

“C’è la voglia di dare al pubblico qualcosa che sia istruttivo – conclude Davide Zannotti della direzione artistica – e che tornando a casa, lo spettatore abbia scoperto qualcosa. Quindi non si tratta soltanto di intrattenimento, ma di fare un piccolo passo verso la comprensione di questa musica”.

Per informazioni si possono consultare i seguenti siti: www.jesieventi.it/jazzfestival/

www.fondazionepergolesispontini.com

BIGLIETTERIA – Teatro G.B. Pergolesi tel 0731 206888 – biglietteria@fpsjesi.com  /  online: www.vivaticket.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.