Astralmusic

Jesi Jazz Festival: suoni ed emozioni in centro

Astralmusic

JESI –  Al via stasera Jesi Jazz Festival.

In città arriveranno artisti affermati, di fama internazionale, ma anche giovani musicisti del territorio. Tre le piazze del centro coinvolte – Repubblica, Federico II, Monnighette – due concerti a sera. A far da apertura, ogni volta, gli eventi dell’Hemingway Jazz Space, a partire dalle 19.30, sulla scalinata che conduce in piazza delle Monnighette.

 Si inizia stasera, alle ore 22.00, in piazza della Repubblica con il concerto dell’Orchestra del Consorzio Marche Music College, prima esibizione di una realtà giovane e tutta italiana. A seguire, ore 23.30, in piazza della Repubblica, SatChamory & His Hot Seven, omaggio a Luis Armstrong.

 Altri due imperdibili appuntamenti domani (mercoledì 27), seconda serata del Jesi Jazz Festival che animerà le piazze del centro storico con suoni, colori e mille emozioni. Stavolta la cornice è piazza Federico II per un paio di concerti di altissimo livello.

Si partirà alle ore 22 con l’esibizione del MP’s Jazzy Bunch, gruppo di otto elementi che nasce da un’idea di Marco Postacchini con l’intento di creare un collettivo capace di piegare le caratteristiche tipiche del combo all’esigenza di formare un jazz contemporaneo e innovativo dal punto di vista del sound e dei contenuti. L’ottetto propone infatti, tra gli altri, brani composti ed arrangiati appositamente per questo tipo di organico dallo stesso Marco Postacchini. Con loro la straordinaria partecipazione di Ada Montellanico, una delle autrici e cantanti più raffinate della scena jazz italiana e internazionale, con alle spalle esperienze con artisti di fama internazionale tra i quali Jimmy Cobb, Lee Konitz, Paul McCandless, Enrico Pieranunzi e Enrico Rava, rende assolutamente imperdibile il concerto jesino.

A seguire, alle ore 23.30, nella medesima piazza, sarà la volta dello “Speak no evil trio”, formazione composta da un chitarrista (Giovanni Baleani), un contrabbassista (Gianludovico Carmenati) e un batterista (Mauro Cimarra). Sono musicisti di straordinario talento che si sono cimentati nella non facile impresa di registrare un omaggio all’immenso Wayne Shorter, il sassofonista statunitense tra i pochissimi in grado di “…mettere d’accordo un’intera comunità di musicisti (jazzisti e non) sulla qualità della sua musica, delle sue composizioni, della sua improvvisazione e della sua immensa storia artistica” (cit. di Ludovico Peroni, critico musicale).

Special guest della serata sarà Simone La Maida, tra i migliori sassofonisti jazz italiani. Musicista estremamente versatile, La Maida predilige le contaminazioni tra teatro, letteratura e musica. Un lunghissimo e qualificato curriculum, il suo, che contribuisce a qualificare ulteriormente la rassegna jesina ormai punto di riferimento in ambito regionale per il jazz.

La giornata di domani si aprirà alle 19.30, in Piazza delle Monnighette con la performance di Giacomo Uncini ed ospiti a sorpresa.

Gli ingressi sono liberi. Per informazioni: Ufficio Turismo, 0731538420.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*