Jesi, la città svegliata dal sisma: gente in strada e nelle piazze. La paura sui social | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesi, la città svegliata dal sisma: gente in strada e nelle piazze. La paura sui social

JESI – Da Rimini a Napoli, dall’Adriatico al Tirreno, il centro Italia trema. La forte scossa di magnitudo 6 è stata registrata alle 3:36, con epicentro vicino Accumoli, in provincia di Rieti, e con ipocentro a soli 4, 2 chilometri di profondità.  Crolli di edifici sono stati segnalati ad Accumoli e Amatrice, nel Reatino. Il Sindaco di Amatrice: “La città non c’è più”. La scossa è stata chiaramente avvertita a Roma. Un “sisma severo”, dalle prime informazioni ci sono stati “feriti e crolli importanti”, ha detto a RaiNews24 il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. Una nuova forte scossa alle 4:34 è stata avvertita a Roma, in Umbria e nelle Marche.

E’ stata avvertita distintamente anche in Umbria e nelle Marche. Le scosse hanno provocato alcuni crolli a macchie di leopardo: nel Maceratese, in particolare a Gualdo, Mogliano, Arquato del Tronto. Ha provocato alcuni danni agli edifici della zona di Ascoli Piceno e nel Fermano. Qui sono riportati dei feriti e due morti. Lo conferma la Protezione civile. Ad Ancona tante le chiamate ai centralini delle forze di polizia, ma finora non sono stati segnalati crolli. A Fabriano, la gente è uscita dalle case, avviato il Comitato operativo comunale d”emergenza Marche Umbria.

A Jesi, molti cittadini sono usciti per le strade, all’aperto: diverse le persone in piazza della Repubblica e davanti al palazzetto dello sport. Alcuni hanno preferito dormire in macchina. Il terrore imperversa sui social.

Ai vigili del fuoco e al 118 della Provincia di Ancona stanno arrivando decine di chiamate di cittadini allarmati ma nell’anconetano non si registrano al momento crolli o feriti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.