Jesi, la musica di Pergolesi protagonista del Festival del Barocco | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, la musica di Pergolesi protagonista del Festival del Barocco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Torna il Festival del Barocco a Palazzo Honorati Carotti: in un momento storico in cui i grandi eventi sono fermi a causa della pandemia in corso, la città di Jesi spicca di nuovo in ambito regionale e nazionale per le sue eccellenze.

Il progetto culturale della Fondazione Alessandro Lanari, con il sostegno di partner pubblici quali Regione Marche e Comune di Jesi, e altri co-finanziatori privati, torna per la sua terza edizione con un programma accresciuto rispetto le due precedenti edizioni.

Da mercoledì 29 Luglio a domenica 9 Agosto la musica barocca di Pergolesi, insieme alla cultura della sua epoca, si riverserà in un contenitore di alta didattica, concerti, incontri e laboratori a lui dedicati.

Non solo un Festival, ma anche un Campus: «Nel 2018 abbiamo iniziato timidamente con un corso di violino barocco, l’anno dopo abbiamo integrato a questo anche un corso di violoncello barocco, non presenti nei conservatori regionali, poi ancora quello di fagotto e ora c’è anche la classe di canto barocco. Questa è una vera e propria eccellenza del territorio: la rarità della sua multidisciplinarità attrae alunni da tutta Italia  – ha spiegato Gianni Gualdoni, direttore dell’iniziativa- e Jesi grazie a Pergolesi è la capitale del barocco. La presenza di Sonia Prina come docente dona lustro e peso al Festival».

IMG_6422

Tra i docenti del Campus, che affiancheranno e si esibiranno nel corso degli appuntamenti in cartellone, spunta appunto il nome di Sonia Prina, artista di fama internazionale e docente del corso di canto barocco, e Alessandro Ciccolini,studioso e docente del corso di violino barocco: entrambi hanno sottolineato la difficoltà nella realizzazione di festival così di nicchia, soprattutto per trovare finanziatori, e l’importanza di investire sulle risorse umane.

Dal canto suo, l’Assessore alla Cultura Luca Butini ha affermato che, laddove esiste la perseveranza, la competenza e la passione degli organizzatori, non servono i grandi numeri per permettere una buona riuscita.

Jesi sembra quindi un’isola felice, in grado di ospitare eventi del genere in luoghi storici della città: Palazzo Honorati Carotti si è dimostrata infatti la cornice perfetta per parlare di cultura musicale. Tra gli eventi in cartellone anche una mostra, aperta al pubblico, che pone in paragone gli strumenti musicali moderni con quelli di epoca barocca, in programma per il 3 Agosto.

I concerti principali, che avranno un’ingresso contingentato e prevederanno quindi l’obbligo di prenotazione, si terranno Domenica 2 Agosto alle ore 21:00, dove gli studenti dell’Orchestra Barocca delle Marche si esibiranno con “L’estro Armonico” di Vivaldi, e Sabato 8 Agosto sempre alle ore 21:00, con il Gran Concerto del Campus a conclusione del festival.

L’ingresso è di 10€: per maggiori informazioni info@fondazionelanari.it oppure chiamate allo 07314684.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.