Jesi, le iniziative per la Festa della Liberazione | | Password Magazine
Lulù  

Jesi, le iniziative per la Festa della Liberazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’Amministrazione comunale ha coordinato e promosso un ricco programma di iniziative per ricordare degnamente la liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista saloino. Grazie al prezioso contributo delle Associazioni d’Arma e Combattentistiche, dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia sez. di Jesi e dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, si terranno diversi appuntamenti nel segno della tenace conservazione della memoria storica e della necessaria riproposizione dei valori di libertà e eguaglianza di cui l’epopea resistenziale fu portatrice.

Dopo il prologo di lunedì 23 del recital per parole e musica “E questo è il fiore…” realizzato dall’Anpi in collaborazione con il Comune e con il locale presidio dell’Associazione Libera, e della proiezione del video intitolato “La Resistenza a Jesi”, che viene presentato questo pomeriggio al Palazzo Comunale, alle 10,30 di mercoledì 25 Aprile si apriranno le consuete manifestazioni ufficiali.

Si inizierà con la messa al campo presso il Monumento ai Caduti di Viale Cavallotti, al termine della quale partirà il corteo che, dopo aver percorso Corso Matteotti, giungerà in Piazza Indipendenza, con l’onore ai caduti, i saluti del sindaco Massimo Bacci e la prolusione del consigliere nazionale dell’Anpi Monica Minnozzi.

Il programma delle celebrazioni terminerà sabato 28 al Palazzo dei Convegni, dove alle 17,30 Adelmo Cervi, figlio di Aldo Cervi, ucciso dai fascisti il 28 dicembre del 1943 insieme ai suoi 6 fratelli, incontrerà il pubblico. Adelmo Cervi è l’autore di un libro dal titolo “Io che conosco il tuo cuore. Storia di un padre partigiano raccontata da un figlio”, Piemme edizioni, in cui racconta la vicenda di quel padre, Aldo appunto, partigiano con i suoi fratelli, per ricordare la tragica e eroica vicenda dei sette fratelli Cervi ai quali sopravvisse solo l’anziano padre, Alcide Cervi.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.