Jesi, maxi multa per assicurazione contraffatta | Password Magazine

Jesi, maxi multa per assicurazione contraffatta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nell’ambito dei servizi di prevenzione sulla sicurezza stradale, la Polizia locale ha sottoposto a sequestro amministrativo tre veicoli, di cui uno finalizzato alla confisca. Su quest’ultimo era al volante un cittadino italiano che, alla vista della pattuglia in servizio per controlli stradali, effettuava una manovra improvvisa per eluderla. Tale atteggiamento insospettiva la pattuglia operante che riusciva comunque a fermare il veicolo e a sottoporlo a controllo. Una intuizione che si rileverà azzeccata. 

Alla richiesta di esibire i documenti, l’automobilista mostrava un certificato assicurativo del veicolo apparentemente genuino nella forma e nel contenuto. Dal controllo presso la banca dati della Motorizzazione Civile, viceversa, il certificato – in cui era riportata una data dello scorso ottobre come pagamento – risultava falso. Non solo: una volta sottoposto a fermo il veicolo e effettuati gli ulteriori accertamenti di legge nei giorni seguenti, è emerso che la vettura era stata di nuovo assicurata regolarmente, ma esattamente dopo il fermo di polizia stradale. L’auto è stata pertanto sottoposta a sequestro finalizzato alla confisca, il conducente e proprietario – che rischia la sospensione della patente per un anno – è stato invece segnalato alla Prefettura competente per la violazione accertata che prevede una sanzione di un importo compreso tra 868 e 3.471 euro. 

Gli altri due veicoli sottoposti a sequestro riguardano mezzi con targa straniera condotti da cittadini residenti in Italia da più di 60 giorni. In entrambe le operazioni, gli agenti hanno provveduto a sanzionare il conducente con 498 euro (in Italia vige l’obbligo di pagamento immediato in caso di sanzione al codice della strada comminata ad un veicolo straniero), dando ad entrambi i 180 giorni previsti dalle norme per immatricolare il rispettivo veicolo in Italia o chiedere il foglio di via per riportarlo nel paese di provenienza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.