Jesi Natale, le videoproiezioni sui palazzi non piacciono: «Poco natalizie»

JESI – Una sardina proiettata sulla facciata dei palazzi storici, scoppia la polemica. Non sono state particolarmente gradite le immagini che, in questi giorni, stanno apparendo sulla facciata degli edifici in piazza Colocci e in piazza Federico II. In particolare, ha suscitato clamore il disegno di un pesce scambiato da alcuni per una ‘sardina‘, simbolo del movimento anti Matteo Salvini, e dunque di connotazione politica. Dal Comune però fanno sapere che quel pesce, così come le altre illustrazioni proiettate in questi giorni sui palazzi, sono solo delle opere d’arte di alcuni studenti dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, coordinati dal direttore di produzione della Fondazione Pergolesi Spontini Benito Leonori. Dunque nulla di politico. Tuttavia, c’è anche chi si è lamentato sui social per la scelta di proiettare sui palazzi soggetti «poco natalizi», forse troppo introspettivi o non compresi da chi si aspettava qualcosa di più in linea con lo spirito delle Feste: oltre al pesce, infatti, ci sono insetti, scarabei, animali vari, personaggi stilizzati.

Prosegue intanto il calendario di Jesi Natale: è di quasi 70 mila euro la cifra stanziata quest’anno per le iniziative di Jesi Natale 2019, di cui 25 mila euro sono arrivati grazie a un bando della Camera di Commercio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*