Jesi, nel magazzino degli oggetti smarriti tra valigie, zaini, libri e chiavi

JESI – Valigie, zaini, attrezzi da lavoro, skateboard, caschi da moto, preziosi,  scarpe. E poi chiavi, tante chiavi. E occhiali da vista con tanto di custodia. Sono gli oggetti smarriti custoditi presso il comando della Polizia municipale del Comune di Jesi. E qui che rimangono fino ad un anno dalla pubblicazione sull’albo pretorio: passato questo tempo, nel caso in cui non ci sia nessun proprietario legittimo a reclamarli, possono essere dati in possesso al ritrovatore o, se quest’ultimo non avanzasse nessuna richiesta, diventano di responsabilità e uso del Comune e quindi distrutti se considerati di non utilità all’Ente.

“C’è un regolamento comunale che disciplina il ritrovamento degli oggetti perduti – spiega il comandante della Polizia locale Liliana Rovaldi (foto in basso a sinistra) – Solitamente, dal ritrovamento, avvengono due pubblicazioni sull’albo pretorio a distanza di quindici giorni. Ovviamente, negli avvisi non vengono pubblicate tutte le caratteristiche dell’oggetto.  Sarà il proprietario che, rivolgendosi a noi per reclamarlo, dovrà dimostrare che è suo, descrivendocelo”.

Tra i casi più bizzarri raccontati dagli agenti della municipale, c’è il ritrovamento di una valigia in stoffa abbandonata al binario, alla stazione. Probabilmente, apparteneva ad un passeggero distratto che l’ aveva lasciato a terra mentre lui saliva in treno. Un bagaglio pieno di vestiti sporchi e che, quindi, trascorso il lasso di tempo imposto dal regolamento, è andato al macero in quanto non utilizzabile.

“Ci sono valigie ritrovate all’interno dell’ascensore di un supermercato oppure zaini di studenti, contenenti libri, dimenticati alla fermata della corriera – racconta la Rovaldi – Bizzarro il ritrovamento di un kit completo da ciclista, con cacciaviti e borraccia, ma anche vangeli, foto di defunti, radiotrasmittenti, pinze e piede di porco, scarpe da tennis e un marsupio con dentro un bracciale da uomo”.

Gli oggetti maggiormente smarriti sono le chiavi. I più facili da rintracciare sono i proprietari di cellulari, mentre è in calo lo smarrimento di biciclette: “Oggi la gente è più accorta, forse. Qualche anno fa ne avevamo un magazzino pieno – spiega la Comandante – Non essendo venuto nessuno a reclamarle, il Comune le mise all’asta ricavandone qualche centinaia di euro che furono investiti poi in progetti scolastici di educazione stradale“. Tutto sommato, dunque, niente è perduto.

Chiara Cascio 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*