Matt Cancelleria
Vai al Sito

Jesi nel medioevo, sulle tracce della chiesa di San Domenico in contrada Valle

JESI – Italia Nostra onlus sezione di Jesi è lieta di presentare il libro La chiesa di San Domenico  in contrada Valle a Jesi, realizzato a quattro mani da Gianni Barchi, Sergio Bugatti,  Roberto Cecconi e Maria Cristina Zanotti e nato con un tangibile aiuto da parte dell’intera Comunità tramite un’ intelligente operazione di crowdfunding.

Il volume in questione tratta delle origini e dell’evoluzione di un antichissimo complesso fondato dagli Antoniani nell’Alto Medioevo, situato nella contrada della Valle, a poca distanza dall’attuale Museo delle Arti della Stampa.

Esso comprendeva una chiesa verosimilmente gotica – di cui restano tracce nell’edificio che sorge oggi al suo posto – un convento, un ostello per viandanti, un ospedale detto “degli incurabili”, dedicato alla cura di malanni veramente gravi come l'”Herpes zoster” o fuoco di Sant’Antonio, ed un cimitero di cui ancora si parla in una denuncia sporta contro lo stravagante pittore Antonino Sarti nel ‘600. Il complesso suddetto fu donato dal Comune ai Domenicani nel 1439, per consentire loro l’ingresso in città.

La sua destinazione d’uso cambiò infinite volte nella storia della città, fino al crollo definitivo alla fine dell’ottocento.

Grazie ai documenti preziosi rinvenuti nella Curia Vescovile, messi gentilmente a disposizione dal parroco Don Cristiano Marasca, l’architetto Bugatti è riuscito a ricostruire virtualmente il complesso, facendo rinascere un quartiere oggi sicuramente appiattito dalla mancanza di un monumento tanto interessante.

La presentazione, condotta dal giornalista Giovanni Filosa, avverrà il giorno 16 novembre 2018, alle ore 17.30, presso la Sala Convegni di Palazzo Bisaccioni, ospiti della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi in Piazza Colocci n.4.

I testi sono in vendita in occasione della presentazione.

Interverranno il vescovo di Jesi Mons. Gerardo Rocconi, il sindaco di Jesi Massimo Bacci  e l’assessore alla cultura Luca Butini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*