Banner Aprile IH Victoria

Jesi, nuovi parcheggi

Il Comune apre le porte agli investitori privati interessati a realizzare parcheggi interrati in dieci zone della città. Sono quelle che già ospitano parcheggi in superficie ma che si rivelano  insufficienti rispetto alle necessità dei residenti dei rispettivi quartieri. E così ecco pubblicato un  bando attraverso il quale i privati, anche in forma associata, possono manifestare in Comune l’interesse a realizzare l’investimento. I dieci parcheggi interessati sono quelli di via Bixio (scuola Federico Conti), via Leopardi (scuola Carducci), viale Papa Giovanni XXIII, via San Francesco, Largo Europa, Largo S.Allende, Colle Paradiso, ex Sima (Conce), ex Smia e via Tabano.

L’operazione dovrà essere a totale carico del privato al quale il Comune concederà, tramite convenzione, il diritto di superficie nel sottosuolo per 90 anni finalizzato alla realizzazione di parcheggi pertinenziali e residenziali. Qualora, entro il prossimo 14 novembre data di scadenza del bando, dovessero giungere manifestazioni di interesse, l’Amministrazione comunale avvierà la procedura negoziata con aggiudicazione sulla base dell’offerta ritenuta più vantaggiosa.

Un bando analogo era stato già effettuato in passato, limitatamente all’area interrata sotto il parcheggio delle Conce. In quell’occasione si era registrato un certo interesse, con contatti al servizio opere pubbliche che però non si erano tradotti in una manifestazione d’interesse ufficiale. Dunque, sulla base dell’opportunità concessa dalla legge che prevede la possibilità per i privati di realizzare interventi simili convenzionandosi con il Comune nel rispetto di quanto prevede il Piano urbano dei parcheggi, si è deciso di ampliare il raggio di azione con più aree disponibili.

“Sono stati individuati questi parcheggi fuori dal centro storico e ubicati in popolosi quartieri – spiega l’assessore ai lavori pubblici Stefano Tonelli – perché sono quelli che risultano a più alto tasso di utilizzo da parte dei veicoli. Non essendoci aree limitrofe per il loro ampliamento, il Comune si rende disponibile a favorire quei privati che decidessero di utilizzare il sottosuolo per ricavare altre aree di sosta.”. Può trattarsi di un’operazione condotta da più privati che insieme si consorziano per realizzare l’intervento – ad esempio i residenti di una determinata zona – o direttamente da un singolo investitore che a sua volta si farà carico di ricercare privati disponibili ad acquistare uno o più di quei parcheggi, così da rendere sostenibile l’investimento programmato. Da parte sua l’Amministrazione comunale mette a disposizione il servizio opere pubbliche per verificare le modalità dell’intervento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.