Jesi, oggi la commemorazione dei “Martiri XX Giugno”

JESI – Si è svolta nel tardo pomeriggio di oggi la commemorazione di quelli che sono ricordati come i “Martiri XX Giugno”, aperta con la formazione di un corteo al bivio Bellavista di Montecappone. Da qui si è raggiunto il “cippo martiri” dove, alle 19.30, si è svolta la commemorazione ufficiale alla presenza delle autorità, forze dell’ordine, istituzioni politiche locali e regionali, una delegazione dell’Anpi e cittadini.

Al fianco del vice sindaco Luca Butini, anche il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, che ha ricordato come queste ricorrenze siano l’occasione per riflettere e distanziarsi dalla tendenza di considerare nemico tutto ciò che è diverso.

Antonio Mastrovincenzo con delegazione Anpi

Proprio in via Roma, quella sera del 20 giugno 1944 i sette giovani vennero sequestrati dai nazifascisti insieme ad un’altra ventina di coetanei, per essere poi condotti in un casolare di Montecappone, perquisiti e bastonati. Gli altri vennero liberati, mentre loro sette, considerati partigiani, furono oggetto di feroci torture e sevizie, quindi fucilati. I loro nomi sono riportati nel cippo eretto nel luogo dove caddero 73 anni fa, un mese prima che Jesi venisse liberata: Armando e Luigi Angeloni, rispettivamente di 25 e 18 anni, Francesco Cecchi e Alfredo Santinelli anch’essi di 18, Mario Saveri di 23 anni, Enzo Carboni e Calogero Grasceffo entrambi ventenni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*