Jesi, operai a lavoro nei parchi pubblici | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, operai a lavoro nei parchi pubblici

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Hanno preso il via  questa settimana le operazioni di taglio dell’erba nei parchi cittadini, secondo il cronoprogramma concordato dall’Area Servizi Tecnici del Comune. Le cooperative sociali che si sono aggiudicate gli appalti per gli sfalci delle aree verdi attrezzate hanno iniziato con il parco del Cannocchiale, il parco Esedra, il parco Erbarella, il parco del Vallato e i giardini Orti Pace. Poi continueranno con gli altri parchi presenti in città.

Assegnati anche i lavori per la manutenzione ordinaria delle pertinenze stradali e delle restanti aree verdi. L’obiettivo dell’Area Servizi Tecnici è quella di completare un primo taglio entro Pasqua in tutti gli assi principali.

Sono invece stati ultimati già a fine marzo gli interventi di sistemazione dei giardini delle scuole della città, compito questo assegnato agli operai del Comune.

Prende dunque corpo, in maniera puntuale e coerente, il programma di manutenzione ordinaria del verde pubblico con una formula assolutamente innovativa sia nelle modalità, sia nella suddivisione dei compiti, con l’obiettivo di garantire un miglior arredo urbano. Per la prima volta, infatti, è stato predisposto un piano organico che non si basa più su singoli interventi, ma prende in esame l’intera area verde del tessuto urbano. Operazione che si concretizza con due appalti pluriennali affidati a ditte specializzate, mentre resteranno in capo agli operai del Comune, oltre alla manutenzione dei giardini delle scuole, le aree verdi del centro storico.

Gli appalti prevedono che, nell’arco temporale che va dal 15 aprile al 30 settembre, l’erba non superi mai un’altezza prestabilita e dunque la frequenza dei tagli sarà calibrata anche in ragione delle condizioni meteorologiche. L’appalto per i parchi, di durata triennale, prevede una spesa di circa 70 mila euro l’anno. Quello sulle pertinenze stradali ed il verde residuale ha invece valenza biennale con un costo di quasi 90 mila euro annuo.

Per lo sfalcio dell’erba nelle strade di campagna, invece, resta in vigore la convenzione tra Amministrazione comunale e Coldiretti Ancona che vede il coinvolgimento degli agricoltori. Il costo dell’operazione, in questo caso, è di 30 mila euro all’anno e porta ad un significativo risparmio rispetto alla spesa che l’Amministrazione comunale avrebbe dovuto sostenere se avesse affidato i lavori a prezzi di mercato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.