Jesi, Parco Mattei: installata la terza altalena per disabili | | Password Magazine

Jesi, Parco Mattei: installata la terza altalena per disabili

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Inaugurazione dell'altalena al Parco Mattei grazie alla raccolta fondi Dream Day

JESI – “La disabilità deve diventare normalità”, così Selena Abatelli ha voluto celebrare ieri la sua missione con il “Dream Day all’inaugurazione della terza altalena per disabili, installata al parco Mattei di Jesi.

La realizzazione dell’altalena è stata resa possibile grazie alla raccolta fondi avvenuta con l’iniziativa benefica “Dream Day”, di cui Selena ne è ideatrice e cuore pulsante, avvenuta lo scorso 18 settembre presso i Giardini pubblici di Jesi. Raggiunto il budget sufficiente per la messa in moto del progetto, l’Amministrazione comunale “presa per mano” da Selena si è mobilitata e ora la città ne sta raccogliendo i frutti: oltre a quelle posizionate al Parco del Vallato e ai Giardini pubblici, questa è la terza altalena per disabili di cui il Comune di Jesi può vantare.

Presenti all’inaugurazione il sindaco Massimo Bacci, il vice sindaco Luca Butini, l’assessore allo sport Ugo Coltorti, tutti insieme per rendere la giornata memorabile. Lo straordinario qui infatti sta nella struttura dell’altalena, che eccelle e si differenzia dalle altre: “si tratta di un impianto di gioco innovativo che in Italia non esisteva ancora – spiega la fondatrice del Dream Day – un’altalena in acciaio in cui il disabile potrà salire in carrozzina insieme al normodotato che siederà, invece, su un apposito sellino”. “Si tratta di un’iniziativa per l’abbattimento delle barriere architettoniche – afferma il sindaco Bacci – e la possibilità di utilizzare questi strumenti, penso che misurino il grado di civiltà della popolazione e nello specifico qui, della città di Jesi, e non possiamo che ringraziare Selena di questo”.

La bellezza di questa iniziativa infatti non sta soltanto nel superamento delle barriere ma anche in quelle sociali, grazie all’aggiunta dell’apposito sellino adatto per i normodotati, cosicché tutti i bambini possano salirci e sentirsi uguali. Dimostrazione pratica e anche ben riuscita quella fatta da Selena insieme alla sua amica Emanuela Fratoni, disabile dalla nascita, conosciuta tramite l’associazione ANIEP, e Chiara Paciaroni conosciute grazie a raccolte fondi a sostegno delle vittime del recente terremoto:  “La scelta di fare questa dimostrazione con Emanuela è perché vogliamo mandare un messaggio: non c’è un’età per dire di essere bambini e quindi noi, con più di un secolo in tre, ci divertiamo sull’altalena. E soprattutto, per dimostrare che tra noi due ed Emanuela non c’è differenza, noi e eli siamo uguali”.

“Dream Day Tieniamoci per mano” quest’anno sarà il 23,24 e 25 giugno: metà dell’incasso sarà impiegata per l’acquisto di altri giochi per il parco Mattei, e l’altra metà sarà devoluta ai terremotati. “Perché ci sono realtà che ancora non hanno avuto aiuti e hanno bisogno di sostegno – conclude Selena – e quindi continuate ad aiutarci ad aiutare”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.