Jesi, partita la vaccinazione over 80 alla Bocciofila | Password Magazine

Jesi, partita la vaccinazione over 80 alla Bocciofila

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Come previsto dal piano regionale, è partita oggi la vaccinazione anti covid per gli over 80 al bocciodromo comunale di Jesi, in via La Malfa.

«Le somministrazioni sono iniziate questa mattina alle 8 e proseguiranno ininterrottamente fino alle 20, previste 200 dosi giornaliere – fa sapere l’assessore alla Sanità del Comune di Jesi Marialuisa Quaglieri -. Sta procedendo tutto in maniera puntuale, grazie alla sinergia che si è instaurata tra Comune, Asur e volontari della protezione civile e che aveva già dato prova di efficienza durante gli screening di massa».

Infermiera
Infermiera addetta alla diluizione della dose di vaccino.

Buona l’adesione, riscontro anche dai cittadini della Vallesina: «Questo luogo ospiterà i primi 20 giorni del piano vaccinale ma stiamo già colloquiando con la Provincia per l’individuazione di altri centri per accogliere l’utenza: aumenteranno infatti le dosi, in vista anche delle vaccinazioni del personale scolastico a marzo e ci saranno i richiami».
Un ringraziamento poi alla Bocciofila che ha messo a disposizione la struttura: «Tutto è avvenuto molto rapidamente – spiega la Quaglieri -. I soci della Bocciofila, nonostante ci sia un campionato in vista, hanno collaborato volentieri in sinergia con il Comune, lasciando liberi gli spazi per le vaccinazioni e accettando di spostare gli orari dei loro allenamenti: questa è fonte di grande collaborazione e di grande coscienza».

Arrivati al bocciodromo, le persone sono subito messe in sicurezza: dopo l’accettazione, effettuano il vaccino Pfizer  e poi attendono circa un quarto d’ora in sala di aspetto prima di essere rimandate a casa.

Protezione civile vaccinazioni
Protezione civile al lavoro. Al centro, il responsabile provinciale della Protezione civile Lorenzo Mazzieri (il secondo da dx) e il referente dei volontari Matteo Berrè.

Ad accoglierle e a vegliare sulla loro sicurezza, c’è il personale della Protezione civile coordinato dal referente provinciale Lorenzo Mazzieri: «Sono presenti varie associazioni del territorio che si alternano, per un totale di 10-12 volontari al giorno su due turni – commenta Mazzieri -. Oltre 600 volontari hanno dato disponibilità per questa prima settimana, una risposta importante che riesce a far sì che la macchina dell’emergenza funzioni.  Per questo mi sento di ringraziare l’assessore regionale alla Sanità che ha inserito nel prossimo piano vaccini anche i volontari della Protezione civile, comprendendone l’importanza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.