A Jesi assegnato il Premio Luconi | Password Magazine
Festival Pergolesi

A Jesi il Premio Luconi per il Giornalismo. Il messaggio? «Viva i giovani giornalisti!»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
jesi premio

JESI – Partiamo dalla fine. “Viva i giornalisti e i giornalisti giovani!” esulta, nel momento dei saluti finali, Anna Luconi, sorella del defunto Giuseppe a cui è intitolata la sequenza di premi “Giuseppe Luconi”, consegnati questa mattina al Circolo Cittadino di Jesi.

Nella Sala degli Specchi, di fronte a una settantina di persone, sono stati assegnati tanti premi e attestati alle figure locali e nazionali del giornalismo di oggi. Dallo sport alla cultura, dalla televisione alla carta, una mattinata – iniziata alle 9:30 – all’insegna del ricordo di questa straordinaria e intellettuale figura jesina, scomparsa nel 2014 all’età di 86 anni. Luconi è stato un decano del giornalismo marchigiano, ma anche una figura di rilievo nel panorama giornalistico nazionale; oltre alla passione per la storia – già autore di numerosi libri -, durante i suoi sessant’anni (60!) di lavoro giornalistico ha scritto anche per il Corriere della Sera. Questa era la prima edizione del Premio Giuseppe Luconi, organizzato dalla sua famiglia, in particolare dal nipote Daniele Bartocci, anche lui giornalista.

L’evento

La mattinata è iniziata con un talk show che ha visto susseguirsi gli interventi dei principali giornalisti premiati. Un tavolo composto da Nicola Binda (caposervizio della Gazzetta dello Sport), Giuseppe Cagno (manager della Lube Banca Marche Civitanova), Laura Tangherlini (giornalista Rai), Maurizio Compagnoni (telecronista Sky Sport) e Dario Ricci (Radio 24). La mattinata è stata introdotta da Laura Gentilucci, che ha anche presentato i video-saluti di tre personaggi che non sono riusciti a presenziare all’evento per ritirare i rispettivi premi: Francesco Giorgino (conduttore TG1), Mario Giordano (Direttore strategie e sviluppo Mediaset) e il giornalista jesino Roberto Petrini (economista di Repubblica).

Durante il talk show si è parlato molto di giornalismo e di new media, e soprattutto, del presente di questa professione che, secondo i pareri degli addetti ai lavori, all’unanimità, è in crisi – soprattutto per i più giovani. «Il giornalista della carta stampata vive in uno stato comatoso – dice Nicola Binda – ma noi dei quotidiani cartacei abbiamo comunque il dovere morale di raccontare le storie per i lettori, e di farlo, pur differentemente al passato, con una nuova veste: dobbiamo dare al lettore quello che la televisione e internet non può offrire. Nel mio caso (lo sport, ndr), delle analisi più lucide». Segue Tangherlini: «Io pur giovane mi definisco del giornalismo vecchia scuola. L’ecosistema mediatico è ovviamente cambiato, e il problema più grande, ad esempio, è quello delle fake news. Alla Rai avevano istituito anche una task force proprio per affrontare questo problema, e in questi anni è stato parte del mio lavoro».

Dei più giovani, poi, ha parlato anche il telecronista Maurizio Compagnoni: «Non dirò mai a un giovane di non seguire il proprio sogno di diventare giornalista, ma devo avvertirlo che adesso è molto complicato. Non ci sono particolare consigli da dare: questo è un mestiere che cambia in fretta. Ad esempio, oggi è tutto meno retorico, i titoli diventano più brevi, bisogna sempre essere aggiornati, sia che si è giornalisti sportivi che di geopolitica».

Le premiazioni

L’evento mattutino si è concluso con una sequenza di premiazioni a tanti giornalisti, dei media locali e non. Oltre agli oratori del talk show, sono stati premiati anche Vincenzo Varagona (per il giornalismo culturale), Gianmarco Menga (per “giovane giornalista”), Flavia Fazi (“servizi televisivi”), Emilio Vitalino (“giornalismo scientifico”), e la direttrice della Voce della Vallesina Beatrice Testadiferro (“direzione locale”).

A seguire anche riconoscimenti per il direttore di Jesi e La sua Valle Dino Mogianesi, per Evasio Santoni Consigliere dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche, Sara Ferreri del Resto del Carlino, Talita Frezzi del Corriere Adriatico, Cristina Carnevali direttrice di Vivere Jesi, Gianluca Pascucci (giornalista sportivo), Giancarlo Esposto di Vivere Jesi – che non ha mancato di commemorare un’altra firma scomparsa del giornalismo jesino, Gianni Rossetti.

A seguire, gli attestati a Mauro Cavina (ex manager Bruno Barbieri chef), Andrea Robertazzi, Stefano Moraschini (portale Biografie on line), Andrea Pongetti e Angelo Spagnolo, professore dell’Università di Macerata e organizzatore dell’Overtime Festival, che si svolgerà proprio a Macerata dal 7 all’11 ottobre. L’evento ha visto anche il saluto dell’ex sindaco di Jesi Vittorio Massaccesi e del Vicesindaco e Assessore alla Cultura Luca Butini – più, oltre alla sua premiazione, anche l’intervento di Evasio Santoni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.