Jesi primo Comune in Italia ad aver applicato l'Art Bonus per interventi di restauro

JESI – È confermato. Jesi è il primo Comune in Italia ad aver applicato il decreto Art Bonus. “E non solo – ha sottolineato l’assessore alla cultura, Luca Butini –  ma, a distanza di pochi mesi dalla pubblicazione del decreto, l’intervento di restauro programmato e dedicato alla tavola lignea raffigurante la Deposizione di Lorenzo Lotto è addirittura concluso”.

Ammirata Annalisa Besso, del Servizio Archivi Musei e Patrimonio Culturale ed European Projects Team del Comune di Torino, una delle relatrici al convegno “L’art-bonus ed il decreto cultura” tenutosi giovedì sera presso la Pinacoteca civica. La Besso, fra le cui mansioni rientra il monitoraggio quotidiano delle iniziative relative all’Art Bonus, ha infatti illustrato la “classifica” dei Comuni che fino ad ora hanno adottato provvedimenti orientati ad usufruirne, e Jesi è indiscutibilmente al primo posto.

“Risultato ottenuto grazie alla prontezza degli uffici del Servizio Polo Culturale nel redigere un elenco dei beni per il cui restauro era disponibile un preventivo approvato e nel predisporre una delibera che la Giunta ha adottato il 13 novembre scorso” ha sottolineato Butini. Fondamentale poi la volontà di Caterpillar Hydraulics Italia di intervenire sul territorio attraverso un’azione dal notevole significato simbolico, testimonianza del desiderio dell’azienda di rafforzare il rapporto costruttivo con la città ed i cittadini, come ha affermato Roberto Lorenzoni, country manager per l’Italia della multinazionale.

Il restauratore, prof.Roberto Saccuman, ha illustrato l’intervento compiuto sul supporto ligneo dell’opera di Lorenzo Lotto, datata 1512, un olio su tavola delle dimensioni di circa 3 metri per 2, mentre Romina Quarchioni, del Servizio Polo Culturale, ha condotto il numeroso pubblico ad ammirare la tavola riproposta nella sua bellezza. Il supporto ligneo presentava delle preoccupanti alterazioni fisiche dovute alle condizioni termo igrometriche degli ambienti espositivi. L’operazione è stata realizzata senza che si rendesse necessario lo spostamento della preziossima opera, impiantando il cantiere di restauro all’interno della sala della pinacoteca dove il dipinto è conservato ed esposto.

“Non ci fermiamo qui” ha concluso l’assessore Butini, “il primo elenco di beni proposti ai potenziali mecenati (http://www.comune.jesi.an.it) comprende molte altre voci – dipinti, sculture, libri antichi – con importi accessibili anche a privati. Molti cittadini, alcuni ci hanno già contattati, avranno dunque la possibilità di dare un contributo importante e significativo alla vita culturale della propria città”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*