Jesi, raccolta di sangue: risultati positivi nel 2017

JESI – Si è svolta al Centro Trasfusionale di Jesi, presso l’Ospedale Carlo Urbani la conferenza stampa dell’Avis in cui è stato presentato il Report 2017 del sistema sangue del nostro territorio.
Presenti il primario di Area Vasta Daniela Spadini, Bruno Dottori, presidente Avis Jesi e coordinatore di zona, Moreno Verdolini, presidente Avis Moie.

Il 2017 si è chiuso con risultati positivi. Si guarda al nuovo anno con volontà di incremento e una migliore organizzazione. In particolare, si punta ad avere un’unità medica e personale infermieristico in più, sopratutto per il sabato, giorno in cui si concentra il maggior numero di donatori.

Un buon lavoro fatto a Jesi con 7748 donazioni (tra sangue intero e plasma), in cui confluiscono le 1537 donazioni provenienti dai quattro punti di raccolta di Montecarotto, Cupramontana, Filottrano, Cingoli e Apiro. Risultati positivi grazie anche alle associazioni Avis periferiche che sono 28 in tutta l’Area Vasta.
Bene anche Senigallia con 6260 donazioni, nonostante alcuni problemi con la raccolta esterna. Per il presidio di Fabriano, il 2017 si chiude con 5749 donazioni.

Il 2018 si prevede migliore dell’anno appena trascorso, soprattutto grazie ad un maggiore impegno e una migliore organizzazione. I risultati si possono ottenere se c’è la disponibilità di personale medico e infermieristico.

Non nasconde le sue preoccupazioni per le condizioni del nosocomio jesino Bruno Dottori, presidente Avis Jesi che dichiara: “L’Ospedale non merita le poche attenzioni che gli vengono rivolte. Esistono al suo interno delle isole felici, come il centro trasfusionale, capaci di lavorare bene e con ottimi risultati. Nella zona territoriale di Jesi  stiamo lavorando molto e possiamo contare su 250 nuovi donatori. Sono più quelli entrati rispetto a quelli che se ne sono andati.  Il saldo è piuttosto positivo”.

“Sensibilizzare i datori di lavoro a concedere ai donatori un giorno per donare – è l’appello lanciato da Moreno Verdolini, presidente Avis di Moie – Con la crisi economica che ha colpito il mondo del lavoro, oggi solo il 34% dei lavoratori prende il permesso per donare. Molti lo fanno il sabato”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*