Jesi, raccolta differenziata oltre il 72% | Password Magazine

Jesi, raccolta differenziata oltre il 72%

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L'isola ecologica di piazzale Sansovino
L'isola ecologica di piazzale Sansovino

JESI – Dalla rilevazione dell’Osservatorio dei rifiuti emerge che a Jesi la percentuale di raccolta differenziata nel 2019 è stata pari al 72.53% con una produzione di rifiuti annua per abitante pari a 554 kg. La percentuale di differenziata è cresciuta in un anno di oltre 3 punti percentuali (era al 69.22% nel 2018).
«Un sincero ringraziamento a tutti quei cittadini che hanno dimostrato nel tempo un grande senso civico differenziando i rifiuti – sottolinea l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano – e che hanno ripagato le scelte strategiche dell’Amministrazione comunale. Ricordo che nel 2012, all’inizio del nostro primo mandato la percentuale era del 62,79% . A distanza di 8 anni abbiamo raggiunto un risultato pari a +10 punti percentuale. Simili traguardi si raggiungono grazie ad una lavoro costante di collaborazione tra assessorato, tecnici comunali e società JesiServizi, che negli anni ha stimolato i cittadini a differenziare meglio grazie all’ampliamento del porta a porta sul territorio comunale e all’individuazione delle soluzioni che consentano la tracciabilità del rifiuto conferito per una maggiore responsabilizzazione dell’utenza. È chiaro che non possiamo fermarci e accontentarci dei risultati raggiunti, ma dobbiamo andare avanti per aumentare ancora la percentuale di raccolta differenziata nel territorio, tramite il potenziamento e la razionalizzazione della stessa e con la prospettiva della tariffazione puntuale della raccolta dei rifiuti».

A questo proposito l’Amministrazione comunale sta procedendo con la manifestazione di interesse per individuare un sistema di Isole Smart da collocare in centro storico, come quella attivata in via sperimentale in Piazzale Sansovino. Sono sistemi particolarmente innovativi che consentono di creare delle isole di raccolta esteticamente curate ed integrate nel territorio che attraverso l’informatizzazione permettono i conferimenti da parte degli utenti accreditati e di monitorare in qualità e quantità i rifiuti gestiti consentendo anche di procedere nella direzione delle nuova normativa sulla tariffazione puntuale. L’intervento è finanziato con un contributo della Regione Marche per 300 mila euro. Merita di essere segnalato che Jesi ha ottenuto quasi la metà dei fondi stanziati dalla Regione in tutto il territorio di competenza, grazie ad una capacità progettuale particolarmente incisiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.