Jesi, rapina in via IV Novembre. Il ladro lo aggredisce e scappa via con l'auto.

JESI – Stava salendo sulla sua Fiat Fiorino quando un uomo lo avvicina, lo picchia e scappa con la sua auto. Erano le 20.00 quando, presso la centrale  del 112, giungeva la richiesta di aiuto da parte del cittadino jesino aggredito, un disoccupato di 50 anni, che è stato subito è stato subito soccorso e portato all’ ospedale di Jesi, dove è stato giudicato guaribile in pochi giorni dai sanitari, avendo riportato ecchimosi e abrasioni in seguito ai due pugni al volto ricevuti dal rapinatore.

L’episodio è accaduto in via IV Novembre di Jesi.

Le immediate indagini, per il cui successo sono state determinanti le deposizioni dei testimoni della rapina e la descrizione fornita dall’uomo, hanno permesso di identificare il rapinatore, F.S., italiano di 44 anni residente a Cupramontana, disoccupato, pregiudicato. Si è appurato altresì che F.S. è giunto sul luogo della rapina a bordo di una vettura di un suo complice, C.M., italiano di 35 anni, anche lui residente a Cupramontana, che nel frattempo faceva da palo. I due hanno confessato la rapina in concorso commessa e le loro dichiarazioni hanno permesso di ritrovare il Fiat Fiorino appena rubato, che nel frattempo era stato nascosto nelle campagne di Cupramontana.

Intorno alle 22:30 i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Jesi, guidati dal Maresciallo Roberto Scarpone, hanno arrestato due pregiudicati italiani per rapina in concorso e portati in carcere a Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ancona. 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*