Jesi, resistenza e violenza ai poliziotti: arrestati padre e figlio | | Password Magazine
Banner4Baffi

Jesi, resistenza e violenza ai poliziotti: arrestati padre e figlio

I controlli della Polizia (foto Binci)

JESI – Rumori molesti nella notte, i residenti di via Gallodoro chiamano la Polizia e l’operazione finisce con due uomini in manette. È successo nel corso della nottata del 25 agosto, nel quadro delle attività istituzionali finalizzate al controllo del territorio: l’equipaggio del Commissariato di PS di Jesi in servizio è stato chiamato a intervenire per i rumori molesti provocati da una moto lungo via Gallodoro. All’arrivo degli agenti, il conducente del mezzo segnalato, a bordo del quale si trovava anche un altro passeggero, nonostante i tentativi di allontanarsi, è stato fermato. Alla richiesta di esibire, documenti i due hanno opposto resistenza rifiutando di farsi identificare. Non sono serviti i tentativi degli operatori di Polizia a persuadere i due giovani quali invece hanno continuato in un crescendo di resistenza prima e di aggressività poi fino a sfociare in azioni di violenza ai danni degli uomini in uniforme. Nel frangente, è intervenuta anche una terza persona risultata poi il padre del conducente del motociclo. L’uomo ha ritenuto di dare manforte al proprio figlio usando violenza nei confronti degli agenti. A quel punto, grazie anche all’ausilio di un militare dell’Esercito in quel momento di passaggio e attirato dall’acceso intervento in atto, hanno ripristinato l’ordine. A norma di legge, hanno proceduto all’arresto di padre e figlio entrambi italiani e residenti non lontano da Jesi. Stamattina al tribunale di Ancona la misura restrittiva è stata convalidata e ora i due dovranno rispondere di rifiuto di generalità resistenza, violenza e lesioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.