Jesi, Salvini, Boldrini: la città si divide | Password Magazine

Jesi, Salvini, Boldrini: la città si divide

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Prima Salvini, poi Boldrini. E la città si spacca. Una divisione non solo ideologica ma anche fisica, con il centro storico ieri diviso in due. Lungo Corso Matteotti, il corteo di protesta, i «No Salvini» che al grido di «la città non si Lega» manifestavano con cori e fischi contro l’arrivo del leader della Lega da dietro un posto di blocco presidiato da Polizia e carabinieri. Dall’altra parte della transenna, in piazza della Repubblica, i seguaci di Matteo Salvini attendevano invece con trepidazione l’arrivo del loro Capitano, sventolando emozionati bandiere e striscioni.
Il leader della Lega, atteso per le 16.45, non ha tardato molto ad arrivare: sul palco allestito davanti al teatro, dove lo attendevano i candidati regionali disposti in fila, Salvini ha rivolto un pensiero ai contestatori davanti la nutrita folla che lo acclamava: «A sinistra gli unici argomenti che hanno sono i fischietti – ha detto – . Ma lasciateli fischiettare e poi vedremo chi fischietterà domenica sera dopo il voto».

20200914_164542

Tra i temi toccati dal Capitano quello dell’immigrazione, il taglio alla sanità, il turismo, l’agricoltura e la scuola, attaccando l’operato dell’attuale ministra Azzolina: «Diritto alla salute, alla scuola, al lavoro. Alla legge Fornero non si torna, faremo barricate se servirà  – ha ribadito Salvini -. Conto che possiate festeggiare a Jesi San Settimio con un bel cambiamento atteso da 50 anni». Poi il ringraziamento a Jesi e un commento sull’operato di Bacci, «un sindaco che sta amministrando bene la sua città».

20200914_171813

Poco dopo, al Circolo cittadino, l’intervento di Laura Boldrini a sostegno dei candidati PD Manuela Carloni e Antonio Mastrovincenzo. Sala piena anche per l’ex presidente della Camera che non ha mancato di commentare la presenza di Salvini a Jesi: «Ci giochiamo molto a queste elezioni -ha detto -. Oggi Salvini era nella nostra città ma lo avete sentito parlare di Jesi e delle Marche? E’ venuto a parlare contro gli immigrati, contro l’Azzolina, solo contro. Senza un nemico al giorno non esiste».

20200914_183157

La Boldrini ha parlato di valori e di solidarietà, di senso di comunità che può essere ottenuto solo in una sinergia tra istituzioni:«La nostra Costituzione parla della solidarietà come uno dei doveri inderogabili della Repubblica. I nostri rapporti di comunità si devono basare sull’unione delle forze, le persone nella loro solitudine non riusciranno mai ad essere sufficienti, se non ci si unisce e non ci si aiuta saremo tutti condannati a non farcela».

20200914_192219

Non è mancata una riflessione sul tema della sanità e la questione dei tagli: «Negli ultimi anni purtroppo per raggiungere il pareggio nei bilanci la sanità ha sofferto, lo abbiamo visto nella nostra terra – ha detto -. Sono stati tagliati punti nascita, presidi medici. Il covid ci ha però insegnato quanto è importante la sanità pubblica, struttura e radicata nel territorio: dunque è il momento di cambiare strada».

 

1 Commento su Jesi, Salvini, Boldrini: la città si divide

  1. perchè dite sala piena per la boldrini, quando fate vedere foto dove c’erano si delle persone, ma non parlate della piazza piena, come alla tombola di san settimio per il CAPITANO.
    mi pacerebbe sapere, se i centri sociali sono andati a disturbare anche la boldrini.
    loro parlano di fascisti contro la lega ma i fascisti sono loro che vanno a chi disturbare chi non la pensa come loro e parlano di democrazia!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.