Banner Aprile IH Victoria

Jesi, sanificazione strade? Il vice sindaco Butini interviene sulla questione

JESI – Coronavirus, cittadini chiedono l’igienizzazione delle strade anche a Jesi. Il dibattito è dilagato sui social, dopo che si è diffusa la notizia di alcuni interventi di sanificazione in altre città marchigiane come Falconara, Osimo, Pesaro e Macerata. Servizi che sono partiti in alcuni comuni già da oggi mentre in altri sono attesi per domani mattina.

Le richieste di “sanificare” le strade della città per far fronte all’emergenza Coronavirus sono arrivate al Comune di Jesi, che ha approfondito la questione, ritenendo opportuno rendere pubblica questa dichiarazione del vicesindaco Luca Butini, che di professione è medico immunologo all’Ospedale di Torrette di Ancona.

«Disinfettare o sanificare le strade non ha alcuna dimostrata efficacia quale misura di prevenzione contro il Coronavirus in un quadro epidemiologico come quello che stiamo vivendo oggi a Jesi. Nessuna disposizione in tal senso è stata emanata dal GORES – Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria – o dalle autorità regionali, con il quali il Comune resta quotidianamente in stretto contatto.

Viceversa, è assolutamente certo che spruzzare una soluzione di ipoclorito di sodio (varechina o candeggina) lungo strade e parchi ha un effetto inquinante ed è irritante per le prime vie aeree di uomini ed animali.

Si ribadisce che il distanziamento sociale è la misura principale per evitare di ricevere il contagio da persone sintomatiche o da persone oggi asintomatiche, ma che potrebbero sviluppare sintomi in un paio di giorni; al tempo stesso è la misura principale per evitare di trasmetterlo, altrettanto inconsapevolmente.

A ciò vanno abbinate la scrupolosa igiene delle mani e le altre indicazioni diffuse dalle autorità sanitarie».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.