Jesi, parte l'iter per la Consulta delle nuove generazioni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, parte l’iter per la Consulta delle nuove generazioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Partirà l’iter per istituire a Jesi una Consulta delle nuove generazioni.  É stata infatti approvata stamani all’unanimità da tutte le forze politiche la mozione “Come le rondini vanno verso primavera”, promossa dai consiglieri di maggioranza Tommaso Cioncolini e Maria Chiara Garofoli (JesiInsieme), Daniele Massaccesi, Lorenza Fantini e Matteo Baleani (Jesiamo)  che ha l’obiettivo di stimolare «ulteriormente la partecipazione delle nuove generazioni alla vita culturale, sociale ed amministrativa della Città» attraverso un organismo  «capace di formulare proposte nell’ambito delle politiche giovanili e sappia ulteriormente alimentare cultura giovanile e promuovere la rielaborazione delle problematiche giovanile per il nostro territorio».

Lo Statuto della regione Marche, tra i principi fondamentali, riconosce l’importanza della realizzazione individuale e la socializzazione dei minori, degli adolescenti e dei giovani nell’ambito della comunità: «Il nuovo Statuto del comune di Jesi riconosce solennemente l’attenzione per le nuove generazioni e afferma che nessun progresso potrà essere raggiunto senza la loro fondamentale partecipazione – sostengono i consiglieri di maggioranza  -. Basandoci su questo abbiamo anche cercato di leggere quanto sta accadendo nella nostra città e indubbiamente i giovani stanno dimostrando un profondo interesse per tematiche fondamentali come la tutela dell’ambiente, la giustizia e la solidarietà tra i popoli, manifestando spesso preoccupazione quando vedono scelte sbagliate o percepiscono contrasti su temi così sensibili. Sono molti i ragazzi del nostro territorio che, organizzati in associazioni o meno, si adoperano con impegno ed entusiasmo al servizio di coetanei, delle persone più fragili, oppure mossi dalla spiccata vocazione civile e dalla passione per la riscoperta delle tradizioni della nostra storia».

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.