Jesi, sempre più piste ciclabili da nord a sud della città | Password Magazine

Jesi, sempre più piste ciclabili da nord a sud della città

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Si rinnovano e si ampliano le piste ciclabili in città, con un doppio intervento che riguarderà da un lato l’Asse Sud e dall’altro la zona nord. Lavori volti a garantire a chi sceglie una mobilità sostenibile di potersi muovere in piena sicurezza e che porterà Jesi a fregiarsi del titolo di “Comune ciclabile”, riconoscimento attribuito dalla Fiab – Federazione Italiana Amanti della Bicicletta – a quegli enti locali che si dimostrano più sensibili ed attenti a chi preferisce il pedale e lascia in garage l’auto.

Entrambi i lavori partiranno con questo mese di maggio: quello programmato lungo l’Asse Sud si snoderà da Via Zara fino al cuore del quartiere Prato. Sarà strutturato con due azioni. La prima consiste nella realizzazione di una nuova doppia pista ciclabile (ai lati di entrambe le carreggiate), che dal centro commerciale l’Arcobaleno raggiungerà il centro commerciale Gallodoro (zona Coop) collegandosi poi al tratto ciclabile già esistente in Via del Prato. Oltre un paio di chilometri la lunghezza, con la pista che, per ogni senso di marcia, avrà una larghezza oscillante tra 1,2 e 1,5 metri, nel rispetto anche delle ultime disposizioni del codice della strada. Sarà verniciata di verde e delimitata dalla strada con i cosiddetti “occhi di gatto”, i dispositivi in rilievo per segnaletica orizzontale dotati di inserti rifrangenti ad altissima risposta luminosa. Cartellonistica dedicata, sia orizzontale che verticale, completerà l’intervento. I lavori fanno parte del progetto ministeriale “Più bici, più sicuri” che ha beneficiato di un cofinanziamento regionale di 30 mila euro. La seconda azione prevista all’Asse Sud interessa invece Via Gallodoro e Via del Prato che saranno oggetto di importanti lavori di manutenzione stradale con una completa asfaltatura di entrambe le carreggiate. Nell’ambito di tali lavori sarà ridisegnata anche la doppia pista ciclabile  che attualmente collega la rotatoria in prossimità del centro commerciale della Coop fino a largo Grammercato. Anche qui sarà di color verde, con occhi di gatto per delimitare entrambe le due piste laterali alla sede stradale e adeguata cartellonistica.

Nella parte nord della città, sono prossimi a partire i lavori per realizzare la pista ciclabile in Via Martin Luter King, dalla rotatoria con Via Tabano a scendere fino alla scuola Cappannini, subito dopo la quale la pista entra nell’area degli impianti sportivi dietro al Liceo Scientifico e prosegue dietro la scuola Collodi fino a sbucare prima in Viale Verdi. Saranno effettuati interventi alla segnaletica anche nelle piste ciclabili di Via Grecia, Via Coppi e Via Tabano, mentre in settimana è prevista la pulitura della pista ciclabile lungo l’Esino, tra il Moreggio, Ponte San Carlo fino alla Coppetella. 

«L’ampliamento delle piste ciclabili in città – ha sottolineato l’assessore all’ambiente Cinzia Napolitano – era tra gli obiettivi del programma di mandato e rappresenta uno degli strumenti con cui abbiamo voluto rafforzare la mobilità sostenibile ed ecologica per il miglioramento della qualità della vita. Oggi, peraltro, con le biciclette a pedalata assistita, anche le pendenze presenti possono essere agevolmente superate. E mi auguro che tale opportunità, salutata con entusiasmo da quanti già oggi si muovono in bicicletta, sia colta da un sempre maggior numero di cittadini» .

1 Commento su Jesi, sempre più piste ciclabili da nord a sud della città

  1. Vorrei ringraziare la signora Napolitano, che grazie al cofinanziamento regionale, ha reso per molti amanti della bici, lei compresa sicuramente, la città vivibile sotto il punto di vista naturalistico ed ambientalistico, ma parallelamente, ha privato tanti altri cittadini di passeggiare liberamente tenendo in mano bambini o nipotini, perchè in alcuni tratti la pista ciclabile cammina parallelamente senza alcun divisorio alla pedonale (vedi tratto via Campolungo),ha reso pericolosissimo il tratto di strada lungo via Martin Luther King a ridosso della scuola elementare Cappannini e scuola materna adiacente, in quanto il marciapiede è situato al di là della pista ciclabile, il tratto di strada prima molto ampio è stato ridotto a tal punto da rendere pericolosa la sosta e l’apertura dello sportello dell’auto. Nelle ore di punta si crea un blocco totale della circolazione. sono stati ridotti i parcheggi e raggiungere la scuola è diventata una odissea. Non tocchiamo poi il tasto del budello Corso Matteotti. Le grandi opere si attuano quando ci sono le condizioni favorevoli per farle. Onoratissimi del riconoscimento della FIAB, ma a Jesi non pagano le tasse solo gli amanti delle due ruote. Vorrei rivolgere una domanda alla sig.ra Napolitano e sindaco Bacci, dove dimorano, passa la pista ciclabile? ed in caso di malaugurato incidente, chi risponde dei danni fisici e materiali arrecati dall’amante della due ruote, visto che i prodi ciclisti, non sono soggetti al pagamento di una assicurazione come prevista per legge dalle auto?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.