Jesi si S- maschera, buona la prima. Grande attesa per il finale di domani

JESI – Coriandoli, maschere e stelle filanti questi giorni in centro, in occasione di “Jesi si S-maschera“, un’iniziativa nata dalla sinergia tra privati  e associazioni  – Dj Lorenzo BellagambaExclusive ClanAesit società cooperativaJesi Graffiti e Freedom Studio – con il patrocinio del Comune di Jesi.

Porte aperte al Carnevale, dunque, dal 27 febbraio con laboratori creativi, mentre nei giorni di sabato e domenica boom di presenze con tantissimi bambini in maschera accompagnati dalle loro famiglie, pronti ad immergersi in un atmosfera di musica e divertimento.

Un programma ricco di eventi per quattro giornate complessive con cortei in maschera, esibizioni e premiazioni dei gruppi, stand carnevaleschi in piazza Federico II e piazza della Repubblica, esposizioni di arte contemporanea a Palazzo dei Convegni , performance artistiche nella Chiesa San Nicolò e momenti di musica live con il Dj Lorenzo Bellagamba.

Nella foto, Dj Lorenzo Bellagamba

“Nella giornata di ieri, nonostante il mal tempo, c’è stato comunque moltissimo movimento – spiega uno degli organizzatori Lorenzo Bellagamba – segno che la città ha accolto con entusiasmo l’iniziativa, nonostante questa sia solo la sua prima edizione”.

Lorenzo,  “Jesi – Si Smachera” è una novità che porta colore nel centro storico di Jesi e coinvolge  anche i commercianti del centro grazie al concorso “La vetrina di Carnevale”. In che cosa consiste?

“I commercianti aderenti di Corso Matteotti, 14 negozi in tutto,  si sono divertiti ad allestire la propria vetrina ispirandola al Carnevale. I cittadini – tramite banchetti allestiti lungo il centro – avevano la possibilità di votare la preferita. Alle valutazioni del pubblico jesino si sommeranno poi quelle di una giuria tecnica. Il vincitore del concorso, cui andrà il premio della “Vetrina più bella”, sarà proclamato nella giornata di domani”.

Quali sorprese ci attendono per martedì grasso?

“A partire dalle 16.30, si svolgerà un corteo di bambini in maschera e successiva sfilata sul palco allestito in piazza Federico II. Qui si svolgerà una piccola rappresentazione dedicata a Pinocchio – in occasione del 130^ anniversario dalla prima edizione del libro di Collodi illustrata –  cui seguirà la sfilata, la premiazione della maschera più bella e infine distribuzione di omaggi per tutti.
La manifestazione si concluderà con la cena di beneficenza all’Hotel Federico II, durante la quale saranno vendute all’asta le opere realizzate dagli artisti nelle performance live nella Chiesa di San Nicolò. Il ricavato andrà a favore dell’associazione Amicizia a Domicilio“.

Una curiosità. Perché Jesi si “smaschera”?

“Un gioco di parole per dimostrare che, anche in occasioni come il Carnevale, la città sa dare il meglio di se'”.

Aspettative per il gran finale?

“Tempo permettendo, direi buone, viste le giornate precedenti. Ringrazio intanto per la collaborazione la scuola musicale G.B. Pergolesi di Jesi, che ci ha aiutato ad individuare le band per la serata di ieri, e l’associazione Banda Musicale e Majorettes Pianello Vallesina e Mao Branca che nonostante la pioggia si sono esibiti e hanno reso più calda e frizzante l’atmosfera con le loro performance. Chiudo invitandovi tutti a partecipare agli eventi di domani. Non dimenticate i coriandoli!”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*