Jesi, spaccio di cocaina: tre giovani nei guai | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, spaccio di cocaina: tre giovani nei guai

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Due arresti per spaccio di cocaina e un terzo soggetto segnalato all’Autorità giudiziaria . A finire nei guai tre giovani, un disoccupato di 23 anni; un 34enne, titolare di officina meccanica; un 24enne straniero. Tutti residenti nello jesino.

É l’esito dell’operazione condotta dal Commissariato di Polizia di Stato di Jesi, nell’ambito di rafforzati servizi di controllo del territorio suggeriti dal Questore Pallini e coordinati dal Dirigente il Commissariato Mario Sica.

Nella mattinata di sabato 31 luglio, predisposte sul territorio più autopattuglie, a seguito di indicazione di cittadini residenti circa movimenti movimenti sospetti nei pressi di un noto bar ristorante jesino, situato nella zona periferica, gli Agenti hanno dato inizio ad un mirato servizio di appostamento ed osservazione.

Hanno così potuto constatare la presenza di una autovettura di grossa cilindrata che si appartava nel parcheggio del bar ristorante: i due occupanti, con atteggiamento circospetto, si sono intrattenuti nei pressi per alcuni minuti. Quindi, risaliti, si sono diretti verso una vicina officina meccanica, al momento chiusa al pubblico, entrandovi. Dopo una permanenza di circa mezz’ora, il veicolo con a bordo i due uomini, si dirigeva , percorrendo strade ed impegnando rotatorie con modalità consuete di chi vuole verificare essere seguito, sino a giungere alla ZIPA di Jesi.

Qui effettuava una breve sosta, ripartendo in direzione della Strada Provinciale per Chiaravalle: è a questo punto che gli Agenti operanti, coadiuvati da altre autopattuglie, hanno deciso di fermare il veicolo sospetto.

Alla vista della volante della Polizia, però, il conducente dell’auto accelerava l’andatura tentando di seminarla: è stato allora necessario l’utilizzo dei mezzi visivi e sonori in dotazione e di collaudate manovre di intervento dei veicoli della Polizia per arrestarne la corsa in Via Fontedamo.

Gli Agenti hanno allora intimato ai tre occupanti di scendere (il terzo risultava essere salito lungo la marcia nella zona ZIPA) : l’atteggiamento guardingo e di estremo nervosismo mostrato hanno convinto gli Operatori ad un effettuare approfondito controllo.

In effetti, sotto il tappetino del sedile anteriore passeggero sono stati rinvenuti alcuni contenitori uno dei quali è risultato essere pieno di una sostanza polverosa di colore biancastro. La perquisizione è stata quindi completata presso il Commissariato ove i tre soggetti maschili ed il veicolo sono stati condotti.

Le prove narcotest eseguite hanno dato precise indicazioni sulla natura della sostanza rinvenuta e sequestrata: cocaina. Il suo peso complessivo netto risultava superiore al mezzo ettogrammo.

All’interno del veicolo, celato sotto un sedile, è stato anche rinvenuto un rotolo di carta alluminio ad uso alimentare ed altri oggetti di norma utilizzati per il taglio ed il confezionamento di stupefacenti.

Le perquisizioni venivano allargate, con l’ausilio delle Unità Cinofile della Polizia di Stato specializzate nella ricerca di stupefacenti , anche alle residenze dei tre soggetti nonché alla officina meccanica coinvolta dalla loro operatività . In quest’ultima, in particolare, è stata rinvenuta una dose di sostanza stupefacente del tipo cocaina (pari a grammi 0,70) unitamente a carta alluminio, bicarbonato ed altro di norma riconducibile ad attività di taglio e confezionamento di stupefacente. I due sono stati arrestati, collocandoli, giuste indicazioni della A.G. e nell’ambito della normativa in essere, presso le rispettive abitazioni ai domiciliari.

Il terzo occupante il veicolo, nigeriano, 24 anni, disoccupato, è stato segnalato alla Autorità Giudiziaria in stato di libertà in relazione a profili di responsabilità che apparivano attenuati rispetto agli arrestati. Nei confronti di questo, la Questura di Ancona procederà nella valutazione della sussistenza delle condizioni che ne possono determinare l’espulsione dal territorio nazionale.

Nella mattinata odierna si è svolta l’Udienza innanzi al Tribunale di Ancona – Sezione GIP durante la quale sono stati convalidati gli arresti operati e disposta una misura cautelare non custodiale.

Sono in corso indagini per individuare la filiera destinataria dello stupefacente rinvenuto e sequestrato che appare, per la sua quantità, rivolto ad un rilevante mercato di consumatori.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.