Jesi, strade pulite? | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, strade pulite?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

La questione sollevata dal Consigliere comunale Cesare Santinelli…

“Percorrendo le vie di Jesi, ed in particolare quelle alberate, ci si accorge di un ulteriore esempio di degrado in cui versa la città, e cioè che tali strade sono ricoperte da enormi quantità di foglie, cadute da diverso tempo, che nessuno ha provveduto a raccogliere e che, pertanto, sono andate ad ostruire i tombini di raccolta dell’acqua piovana.

Dal momento che dopo i periodi di siccità inevitabilmente seguono periodi di intense e frequenti  piogge, con possibili danni alle persone e alle cose, come è stato ampiamente dimostrato dagli ultimi disastri in ambito nazionale, c’è da chiedersi i motivi per cui l’Amministrazione Comunale non provveda ad una regolare manutenzione dell’impianto di raccolta delle acque di superficie delle strade, al fine di preservare i cittadini e l’ambiente da eventuali incidenti che potrebbero essere anche di una certa gravità.

Si rende dunque necessario un intervento tempestivo di manutenzione ed è inaccettabile la totale assenza dell’ Amministrazione Comunale di Jesi al riguardo, considerando oltretutto che, fra le varie imposte e tasse pagate dai cittadini a livello locale, è compresa anche la pulizia delle strade.

Il sospetto è, dunque, che il denaro che entra nelle casse comunali non venga utilizzato appieno per le finalità per cui è percepito, visto che le manutenzioni non vengono espletate come dovrebbero, mentre alcune spese appaiono se non sorprendenti quantomeno ingiustificate, anche nella loro entità, vedi i compensi dell’ex Direttore Generale, quelli dei troppi Dirigenti del Comune di Jesi ed i costi, anche non pienamente conosciuti, per la costituzione della A.S.P.”

La risposta dell’Amministrazione comunale in merito”.

“Quotidianamente 16 addetti di Jesiservizi sono impegnati nella pulizia delle strade della città. Di questi 6 sono impiegati con le tre spazzatrici che operano nei vari quartieri, 6 effettuano il lavoro manuale lungo viale della Vittoria, viale Cavallotti e via Gramsci che sono le strade dove maggiore è la presenza di fogliame, altri 4 sono impiegati anch’essi manualmente nel centro storico tenuto conto che qui non è possibile utilizzare la spazzatrice per le ridotte dimensioni delle strade.

Contestualmente vengono effettuate, con cadenza di ogni tre mesi, le pulizie di tutte le caditoie cittadine. Per completare l’intervento nelle migliaia di tombini presenti nel territorio comunale si impiega un paio di mesi. L’ultima pulizia è stata effettuata a fine ottobre, la prossima prenderà il via a gennaio.

Vi sono oggettive criticità legate a caditoie cementate o tazze mancanti in alcuni tombini. Ma il servizio viene svolto in maniera costante e puntuale.

Pertanto, i sospetti del consigliere Santinelli, circa il fatto che i soldi per la pulizia della strade siano distratti su altre spese, sono destituiti da ogni fondamento.

L’occasione, piuttosto, è utile per ricordare a quanti hanno giardini privati che il codice stradale impone in capo ai proprietari il dovere di pulire foglie e aghi che dai loro alberi cadono sul suolo pubblico.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.