Jesi, stroncata organizzazione di spacciatori: cinque arresti | Password Magazine

Jesi, stroncata organizzazione di spacciatori: cinque arresti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Jesi hanno dato esecuzione ad una misura di custodia cautelare nei confronti di 5 persone (4 calabresi ed uno jesino) di cui tre destinati al carcere e due ai domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Ancona, su proposta della locale Procura della locale Repubblica, che ha coordinato le indagini.
L’attività ha avuto inizio nel marzo 2019 e si è conclusa nel febbraio u.s., ed è stata finalizzata ad acclarare l’esistenza di un sodalizio criminoso dedito all’attività di spaccio, prevalentemente, di cocaina nel territorio della Vallesina.

E’ stato, quindi, di stroncato un importante canale di rifornimento di sostanze stupefacenti proveniente da Gioia Tauro (RC) e destinato, prevalentemente a Jesi.

Il gruppo calabrese si avvaleva per lo spaccio di un corregionale stanziatosi a Jesi da diversi anni che faceva da raccordo e che, a sua volta, si serviva di forza lavoro del posto per l’attività di spaccio.

Il gruppo criminale, per il trasporto dello stupefacente, sfruttava mezzi pubblici quali gli autobus per percorrere il tragitto da Gioia Tauro ad Ancona, al fine di eludere eventuali controlli delle FF.PP..

Medesimo tragitto veniva percorso contemporaneamente da una “staffetta” su auto privata che poi, giunti a destinazione, recuperava sostanza e concittadino per trasferirsi a Jesi e consegnare il tutto per la distribuzione e la riscossione del denaro provento d’illecito.

Singolare l’attività di spaccio accertata, che riguardava la consegna dello stupefacente direttamente e
personalmente a casa dell’acquirente. L’attività di investigativa ha permesso nel corso dei mesi il recupero di ingenti quantitativi di stupefacenti, il più importante avvenuto in data 19 dicembre u.s., allorquando furono arrestati nei
pressi della Stazione ferroviaria di Ancona tre dei predetti calabresi trovati in possesso di 1.3 kg di
cocaina pura contenuta in un pacco regalo con tanto di coccarda natalizia. Il volume d’affari, riferito
a ciascun carico di droga, è stato quantificato all’incirca in 50 mila euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.