Jesi, taglio del nastro per il nuovo Centro Ambiente del Campo Boario | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Jesi, taglio del nastro per il nuovo Centro Ambiente del Campo Boario

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
da sinistra: Don Giuliano parroco di San Giuseppe; Salvatore Pisconti, amministratore unico Jesi Servizi; Massimo Bacci, Sindaco di Jesi; Cinzia Napolitano, Assessore all'Ambiente; Roberto Renzi, Assessore ai lavori pubblici; Maria Luisa Quaglieri, Assessore ai Servizi Sociali; Luca Butini, Vice Sindaco.

JESI – Inaugurato oggi il nuovo Centro Ambiente di Jesi Servizi presso il Campo Boario. Al taglio del nastro presenti il Sindaco Massimo Bacci, l’Assessore all’ambiente Cinzia Napolitano che ha contribuito alla realizzazione del centro, assessori e consiglieri comunali, personale Jesi Servizi.

Ad accompagnare la stampa in un primo tour di visita Salvatore Pisconti, amministratore di JesiServizi: «La JesiServizi è un’azienda grande in cui operano circa 110 persone e che si è messa a disposizione nella voglia di cambiare, di essere parte attiva della città.  Ricordo quello che era quest’area: oggi vederla ordinata e pulita , capace di garantire linearità e qualità ai servizi ai miei concittadini, è per me motivo di orgoglio».

ED0F4914-1814-4762-BEDE-60D04D480675
Ingresso del nuovo Centro Ambiente.

Come spiega Pisconti, varie sono state le modifiche effettuate per il nuovo Centro Ambiente, tra cui un nuovo ingresso per i cittadini con tre corsie, due in entrata e uno in uscita, per non interferire con l’ingresso dei mezzi operativi; le due corsie servono per facilitare le code di automobili, che si vengono a creare soprattutto nei mesi primaverili a causa delle potature, per non andare a creare disagi nel traffico cittadino. All’ingresso del centro i cittadini possono iniziare a visionare dei cartelloni con informazioni sulla raccolta differenziata e i risultati raggiunti nel corso degli anni. Seguono poi dei cartelloni con l’elenco dei rifiuti con numerazioni che corrispondono alle postazioni dei diversi rifiuti, illustrate in un altro cartellone raffigurante la piantina del centro ambiente. Il cittadino può così capire come muoversi, ma all’interno troverà comunque gli operatori che lo guideranno e aiuteranno.

20220122_111142

«Alla sbarra gli operatori effettueranno il check-in per verificare la residenza nella città di Jesi e per far fluire eventuali file o ingorghi – sottolinea Pisconti – I non residenti non potranno avere accesso al Centro Ambiente poiché ogni Comune deve provvedere al proprio smaltimento dei rifiuti per non gravare sulle tasse complessive. Gli operatori al check-in controllano inoltre la frequenza e le quantità, poiché il servizio è adibito solo ai privati e non alle aziende, che hanno le proprie norme di smaltimento».

20220122_113056
In primo piano l’amministratore JesiServizi Salvatore Pisconti, più indietro il sindaco Massimo Bacci.

All’interno del Centro, delimitato da una recensione a norma di legge, ogni sezione riporta il numero del tipo di rifiuti, i codici e la dicitura di pericolosità; per norma di legge ogni rifiuto deve avere la propria dicitura e il proprio spazio, ad esempio alcuni devono essere protetti da tettoia. Non c’è possibilità di intersezione con nessun altro perché la struttura è un anello con una entrata e un’uscita, questo per ridurre le interferenze con gli operatori o altri. L’Amministratore di JesiServizi ricorda inoltre uno dei servizi messi a disposizione dall’azienda, quello della raccolta a domicilio di oggetti pesanti o difficili da trasportare: si contatta la JesiServizi telefonicamente e viene dato un appuntamento, gli oggetti dovranno poi essere messi in strada prima di essere raccolti. Nell’arco dell’anno 4 oggetti sono raccolti gratuitamente, mentre i restanti hanno un costo di 10 euro l’uno.

8A824519-317B-47C1-823C-4CE83FC525D7
Check-in Centro Ambiente

Oltre all’area di smaltimento rifiuti è stata riqualificata un’altra area, adibita oggi ad hub operativo di Jesi Servizi. Gli edifici, ora ristrutturati, una volta ospitavano il mattatoio e lo studio veterinario, mentre oggi rispettivamente ospitano gli uffici di igiene urbana e degli autisti di scuolabus. Entrambi i servizi si trovano nella stessa sede e fanno capo alla stessa azienda ma operano come realtà distinte in attesa di un gestore unico dei rifiuti; sono stati differenziati anche gli ingressi dei mezzi di igiene urbana e degli scuolabus. La spesa complessiva della riqualificazione è stata di circa 450 mila euro, comprendenti la riqualificazione degli edifici in stato di abbandono che oggi ospitano gli uffici.

 

20220122_112619

Il Sindaco di Jesi Massimo Bacci, presente all’inaugurazione, afferma: «È incontrovertibile che c’è stato uno sviluppo importante di JesiServizi, società che è stata gestita al meglio e di questo mi complimento con Salvatore Pisconti e con tutti i collaboratori. Siamo cresciuti costantemente negli anni, abbiamo completato il ritiro dei rifiuti porta a porta su tutta la città, paghiamo la TARI più bassa rispetto alle città delle nostre dimensioni di tutta la regione e lo facciamo con una capacità di servizio di alta qualità. Non secondario è quello che è stato fatto a livello di bilancio, in condizione di equilibrio. Tutti questi passaggi sono frutto di impegno e capacità. Pensate a quello che era prima il Centro Ambiente, individuato qui da decenni, quelle che erano le condizioni sia di sicurezza, c’erano interferenze continue tra gli operatori e i cittadini privati, sia al livello di igiene in generale. Oggi abbiamo un Centro riqualificato completamente. Anche su questa iniziativa ci sono state polemiche, ci è stato solo contestata l’iniziativa senza dare una soluzione concreta. Io credo che se non fossimo intervenuti il Centro sarebbe rimasto così per altri anni. La soddisfazione di aver portato a termine anche questo. Ringrazio l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano che in questi anni ha lavorato con me e ha fatto un lavoro straordinario».

Presente anche Don Giuliano, parroco di San Giuseppe, per benedire l’area: «Vi ringrazio di avermi chiamato per la benedizione. Sono contento che sia stato riqualificato un pezzo del quartiere San Giuseppe, mi fa piacere dell’impegno profuso dall’amministrazione, mi auguro che l’impegno continui al di fuori dai cancelli di questo centro, c’è ancora da fare. Questo centro aiuta a migliorare la qualità della vita, è importante mantenere sempre la sensibilità ecologica, il grosso servizio che l’amministrazione ha fatto a questa città deve essere riconosciuto».

 

A cura di Chiara Petrucci

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.