Jesi, taglio del nastro per la Casa del Commiato David Icof | Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, taglio del nastro per la Casa del Commiato David Icof

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Taglio del nastro ieri per la Casa del Commiato David Icof, a Jesi.

La struttura, in via Salvemini 2/4, è “germogliata” dalle spoglie di un edificio artigianale in disuso che, attraverso arredi, luci e colori, celebra la rinascita e la rigenerazione, diventando un polo tecnologicamente avanzato e sostenibile.

Tinte cromatiche e accorgimenti estetici in grado di trasmettere pace e serenità nel momento del lutto, arricchiti da elementi naturali quali legno, pietra e pelle che raccontano la ciclicità della vita, il fluire delle stagioni.

Al taglio del nastro, l’assessore ai Servizi sociali Marialuisa Quaglieri che ha parlato di come l’apertura della Casa del Commiato rappresenti un «segnale di speranza e ripresa, capace di creare nuovi posti di lavoro e pensare al futuro».

WhatsApp Image 2021-10-03 at 15.56.52

Attive alla metà degli anni Sessanta, le Onoranze funebri le Onoranze Funebri David Icof sono strutturate in Srl, società composta da Aurelio Colò, Michele Colò, Edoardo Giuliani, Bruna David, Francesco David, Luca Latini, Marco Latini, Maurizio Massimi, Alessio Pierangeli, Franco Pierangeli.

«Siamo orgogliosi e fieri di aver finalmente realizzato questo progetto – fa sapere Maurizio Massimi -. Abbiamo lavorato tutti insieme per creare questa struttura capace di offrire alle famiglie servizi migliori nel difficile momento del lutto».

Bruna e Francesco David, anche loro presenti all’inaugurazione, sono i nipoti diretti del fondatore, Francesco David, che, da artigiano, avviò l’impresa nel secondo dopoguerra a Cupramontana. «Il nonno era un falegname, per tanti anni ha lavorato fabbricando casse e realizzando intagli a mano – racconta Bruna -. L’attività è poi passata in mano ai figli, arrivando a Jesi, e infine ai nipoti e così via: oggi la David Icof è alla quarta generazione con i pronipoti Giammarco ed Edoardo».

Durante la cerimonia, la benedizione di Don Luigi Reccia negli ambienti della struttura.
Nel momento di festa, parole di soddisfazione poi dall’ingegner Bruno Stronati, che ha coordinato il progetto, avvalendosi della collaborazione dell’architetto Sergio Bonelli e dell’interior designer Floriana Rinaldi.

WhatsApp Image 2021-10-03 at 15.57.25

La Casa del Commiato David Icof si dispone su circa 560 metri quadrati distribuiti fra due piani, ad esclusione della corte esterna, la Casa del Commiato David Icof è dotata di pannelli solari che forniscono l’80% dell’energia elettrica necessaria al suo funzionamento e può contare su di un cappotto termico per ridurre al minimo le emissioni. Si avvale inoltre di una cella frigorifera di grandi dimensioni per la sosta prolungata delle salme qualora sorgessero problematiche legate ai loculi, ai trasporti o alle cremazioni.

La struttura è stata concepita per dare vita ad un luogo di ritrovo che avvolge e abbraccia gli ospiti in un concetto di vita eterna, intesa come pace e continuità. Gli arredi sono stati pensati come elementi organici, un legame stretto con la natura che si rigenera. Il banco reception rappresenta un grande sasso levigato nel tempo, con assenza di spigoli e dalla superficie materica. Dietro il banco si sviluppano dieci travi che collegano la terra al cielo come un grande albero della vita unisce il terreno all’infinito. Sempre nell’area d’ingresso troviamo divani e poltrone dalle forme dolci e avvolgenti, realizzati da artigiani.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.