Jesi, torna «Cioccol’altro»: assaggi e vendita prodotti equosolidali

JESI – Dal 29 novembre al 1 dicembre 2019, presso la Chiesa Mereghi il gruppo jesino dei volontari di Mondo Solidale organizza l’evento “Cioccol’altro, piacevoli sensazioni di giustizia”, patrocinato dalla Regione Marche, con assaggi e vendita di cioccolata calda, cioccolato, cacao e caffè equosolidali. Cioccol’altro è l’occasione di parlare di commercio equo attraverso un suo prodotto simbolo: il cacao. ll nome scientifico Teobroma cacao letteralmente significa “cibo degli dei”, infatti i Maya, probabilmente il primo popolo a coltivare la pianta del cacao, ne riservavano il consumo solo ad alcune classi della popolazione: i sovrani, i nobili e i guerrieri.

Successivamente ai Maya anche gli Aztechi iniziarono la coltura del cacao; associavano il cioccolato a Xochiquetzal, la dea della fertilità.

Con valore mistico e religioso, il cacao veniva consumato dall’élite durante le cerimonie importanti, offerto insieme all’incenso come sacrificio alle divinità.

Nel 1200 ha inizio la dominazione Azteca sui Maya, e la bevanda di cacao viene aromatizzata con la vaniglia.
L’origine della parola cioccolata è strettamente legata all’uso di preparare una bevanda di cacao con acqua calda: chacauhaa (da acqua= haa e caldo= chacau), distorto dai primi spagnoli sbarcati in America in chocolat.

Oggigiorno però la coltivazione del cacao nei paesi dell’America centrale e dell’Africa occidentale è sinonimo di sfruttamento, mancanza di diritti, dominio dei mercati (l’industria del cioccolato è fattura quasi 100 miliardi di dollari l’anno).

Il commercio equo e solidale si propone di restituire dignità ai lavoratori dei Sud del Mondo favorendo la creazione di cooperative di piccoli produttori ed acquistando da esse il cacao ad un prezzo equo e fisso per un periodo duraturo, che sia indipendente dalle fluttuazioni della borsa (eh sì, ci sono anche le Borse del cacob; le principali sono la ICE e il NYSE Liffe).

A Jesi la bottega del commercio equo è chiusa da qualche anno, ma a Cioccol’atro si potrà assaggiare ed acquistare le cioccolate del commercio equo in tutte le sue varianti (cacao, tavolette, praline, liquorini, cioccolata calda, biscotti e tanto altro) e con l’occasione anche altri prodotti di commercio equo e solidale (caffé, zucchero di canna, ecc.).

I volontari di Jesi vi aspettano per il goloso appuntamento di Cioccol’altro dal 29 novembre al 1 dicembre presso la Chiesa Mereghi in Corso Matteotti, 45, dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.