Jesi torna protagonista: l'appello al voto di Osvaldo Pirani | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesi torna protagonista: l’appello al voto di Osvaldo Pirani

JESI – L’appello al voto di Osvaldo Pirani, candidato sindaco PD:

“Sembra ieri, invece sono passati quasi 4 mesi da quel 16 febbraio in cui sono stato scelto dall’Unione Comunale come candidato sindaco di Jesi per il Partito Democratico. Un tempo speso per la mia città, per conoscere più da vicino le problematiche, i bisogni, le risorse a disposizione.

Ho scelto come prima cosa di girare tra i quartieri. Per presentarmi a chi non mi conosceva o mi conosceva solo in veste di medico. Avevamo già una bozza di programma scritta dai gruppi di lavoro del partito, ma quegli incontri nei quattro angoli della città ci hanno offerto una prospettiva diversa e hanno portato idee fresche, concrete e di interesse generale. Alla faccia di chi pensa che ai cittadini interessi solo coprire la buca sotto casa.

I principi base, quelli li avevamo ben chiari fin dall’inizio e li abbiamo sintetizzati nello slogan “Le persone prima dei numeri”. Chi ha governato negli ultimi anni ha badato per lo più a gestire l’ordinario, tenere i conti in ordine, tralasciando gli investimenti e i progetti per disegnare la Jesi del futuro.

Il centro sinistra, che ha garantito negli ultimi 40 anni il vero sviluppo della città, ha scontato alcuni errori di programmazione e una certa stanchezza fisiologica. La sconfitta elettorale del 2012 è stato il segnale forte che noi avevamo il dovere di interpretare.

Oggi, alla vigilia del voto, sappiamo di aver raggiunto già un risultato importante, quello di aver rimesso in carreggiata il Pd a Jesi. Credo che la città e il territorio abbiano bisogno di questa forza politica. Dalla mia candidatura è nata una lista profondamente rinnovata, che pesca tra le professioni, tra le competenze, nel mondo associativo e nel tessuto vivo di Jesi. Mi piace pensare di aver gettato un seme che darà vita ad una nuova classe di amministratori per la città.

A noi si sono aggiunte altre personalità, provenienti dal mondo repubblicano e socialista, laico e progressista, anche qui con uno sguardo deciso alla società civile, che hanno dato vita ad una seconda lista in appoggio alla mia candidatura. “Jesi Sostenibile” è il segno della volontà di riproporre quel modello di centrosinistra che è nel Dna della nostra città.

Con questa squadra chiediamo agli elettori il mandato ad amministrare, per cercare insieme di restituire a Jesi il ruolo che merita e che il civismo ha dimostrato di non saper assicurare.

La giunta che eventualmente andrò a comporre sarà costruita sugli stessi pilastri: pieno rinnovamento, nessun vincolo dalle correnti, competenze specifiche.

Siamo consapevoli di vivere in una fase storica difficile per i Comuni. Le risorse a disposizione sono poche, i trasferimenti statali sempre di meno. Ma questo non può rappresentare un alibi per impedirci di pensare alla città che vogliamo. In questa campagna elettorale ci siamo concentrati sui contenuti, sfuggendo di proposito alle polemiche tipiche della cattiva politica. Abbiamo parlato di partecipazione e gestione dei beni comuni, di digitalizzazione, di welfare, dei nostri progetti intorno all’ospedale, delle potenzialità enormi di una Vallesina che cammina insieme, di nuova imprenditorialità e delle opportunità di sviluppo offerte dall’Europa. Il tutto grazie alla disponibilità di ospiti competenti che ci hanno portato le loro esperienze concrete e funzionanti. Non posso che essere soddisfatto della proposta politica che siamo stati in grado di proporre alla città.

A prescindere dall’esito finale, spero di vedere tanta gente alle urne domenica, perchè un’alta affluenza sarebbe una buona notizia per la salute democratica della città, a prescindere da chi sarà chiamato ad amministrarla.

Buon voto a tutti e che vinca Jesi.

P.s.: vi aspetto tutti oggi pomeriggio, dalle 18,30 alle 21, in piazza Pergolesi, di fronte alle Grazie, per la festa di fine campagna elettorale. Faremo due chiacchiere e offriremo ai simpatizzanti panini e Verdicchio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.