Jesi, troppe barriere alla stazione: l'abbattimento nel 2019 | Password Magazine

Jesi, troppe barriere alla stazione: l’abbattimento nel 2019

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Barriere architettoniche in città, ad iniziare dalla Stazione Ferroviaria di Jesi.

È proprio qui che le associazioni Luca Coscioni – cellula di Ancona e AnFFas di Jesi hanno indetto nel pomeriggio di oggi una conferenza stampa per denunciare, alla presenza di uomini e donne in carrozzina, il comportamento discriminatorio di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), accusata di aver negato diritti a chi, costretto ad una sedia, oggi come oggi rinuncia a viaggiare: “A seguito di diverse segnalazioni, abbiamo riscontrato che in questa stazione le persone con disabilità non possono prendere il treno – spiega Renato Biondini, segretario della cellula di Ancona dell’associazione Luca Coscioni – È per noi un atto discriminatorio e vogliamo denunciare il comportamento di RFI che non sta prendendo nessuna iniziativa e nessun impegno per iniziare ad eliminare le varie barriere presenti in questa stazione. Lo scorso febbraio, avevamo una lettera alla RFI di Ancona, senza ricevere riscontro; ci siamo rivolti  allora al difensore civico regionale avv. Nobili ma anche  in questo caso nessuna  nuova è arrivata.

Antonio Massacci, presidente Anffas Jesi

Guarda caso, solo dopo aver convocato questa conferenza stampa le ferrovie ci hanno risposto con una lettera, in cui si conferma che per prendere il treno le persone con disabilità devono andare ad Ancona e nel quadro di un progetto di rinnovamento delle principali stazioni ferroviarie quella di Jesi è stata inserita nel programma degli interventi, compatibilmente con la pianificazione finanziaria aziendale e sarà interessata a partire dal 2019 della realizzazione di una serie di opere”.

Renato Biondini, segretario della cellula di Ancona dell’associazione Luca Coscioni

Tra queste, vengono elencate: la riqualificazione del fabbricato viaggiatori, delle pensiline e dei marciapiedi, con sostituzione della pavimentazione e percorsi tattili, installazione di tre nuovi ascensori per garantire accessibilità al sottopasso, l’installazione di rampe d’accesso dove necessario, mappe tattili.

All’incontro era presente anche Samuele Animali, consigliere comunale di Jesi In Comune che ha parlato dei limiti del PEBA adottato in città, attualmente concernente solo scuole ed edifici pubblici, e della necessità di una progettazione universale, capace di soddisfare le esigenze di tutti. Presente anche Andrea Accorroni, operatore in una cooperativa sociale, che ha sollevato il problema dell’inaccessibilità della Biblioteca pubblica da parte dei disabili, dove non ci sono rampe di salita e dove la presenza di porte scorrevoli automatiche rendono difficile l’ingresso. Difficoltà confermate dai soggetti disabili, presenti con cartelloni di protesta contro una situazione di disagio.

“Il personale ferroviario mi invita ad andare a Falconara, dove non ci sono più barriere, se da Jesi devo recarmi a Chiaravalle – racconta uno di loro – Non è più possibile continuare in questo modo”.

“Ciò che ci infastidisce è la violazione delle norme da parte di questa stazione, ricostruita nuova quando l’Italia si era già dotata di leggi per l’abbattimento delle barriere – spiega Antonio Massacci, presidente della sezione Anffas di Jesi – Barriere costruite e non eliminate: tutta la città ne è piena, nonostante leggi su leggi, la norma non viene rispettata”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.