«Jesi un esempio da seguire per servizi sociali e welfare» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Jesi un esempio da seguire per servizi sociali e welfare»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Welfare, raggiunti molti obiettivi del programma di mandato». Soddisfatta l’assessore ai Servizi sociali Maria Luisa Quaglieri che ha esposto oggi una rendicontazione del lavoro svolto, insieme al sindaco Massimo Bacci, al direttore dell’azienda servizi alla persona Franco Pesaresi e al presidente dell’Asp Ambito IX Matteo Marasca: «Doverosa l’attenzione ai più fragili, parecchi gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Ringrazio tutta l’Asp, dal direttore Pesaresi al presidente Marasca e con loro tutta la struttura, per la proficua collaborazione con il Comune di Jesi».

Tra le conquiste più importanti dell’assessorato, l’accreditamento regionale per il Centro Azzeruolo, attivo da un anno e mezzo, il Dopo di Noi, con due strutture già funzionanti (una in viale del Lavoro e un’altra è la Casa di Emma, in via Gramsci), un centro Alzheimer all’avanguardia in via di costruzione.

Sul fronte Sanità, continua l’impegno al fianco del sindaco affinché si arrivi a un regolamento della Conferenza dei sindaci «che fissi ambiti ben precisi, ad iniziare dalla definizione di un piano sociosanitario da condividere tra le le autorità del territorio». E mentre resta per ora sospeso, a causa del covid, il progetto della Casa della Salute che avrebbe dovuto coinvolgere anche i medici di famiglia, la città di Jesi potrà presto contare su nuovi 20 posti RSA grazie all’ampliamento della Casa di Riposo, di cui è stato attivato il piano di ristrutturazione: «L’augurio è che questi posti possano arrivare a 40 – fa sapere la Quaglieri -. C’è poi un punto che ci sta a cuore, creare un ospedale RSA al Murri, una struttura che potrebbe essere destinata proprio alle persone più fragili».
Procedono spedite anche questioni che riguardano l’assegnazione degli alloggi popolari, grazie al braccio operativo dell’Asp, e il progetto SIPROIMI (ex Sprar): «Accogliere le persone significa integrarle, offrendo loro la possibilità di poterlo fare -spiega l’assessore – Sono persone che fanno parte del nostro tessuto e devono avere una prospettiva futura». A tal proposito, viene ricordata la vicenda di Ivan, senzatetto con problemi di sordomutismo che, oltre a una casa, ora ha iniziato anche a lavorare.

L’assessore ha poi accennato al comitato di partecipazione, che impegna associazioni e Asur su questioni sanitarie, ai progetti di Sport inclusivo per ragazzi disabili (due appena avviati riguardano calcio e rugby) e solidale, i servizi di trasporto sociale, Spreco Zero e l’obiettivo di realizzare a Jesi un market solidale, centri estivi per i bambini durante l’estate, tavoli per il supporto delle donne vittima di violenza.

«Questi sono stati i risultati raggiunti dall’Amministrazione – commenta Franco Pesaresi, direttore dell’Asp -. Nel 2019 come Asp, abbiamo speso 7 milioni per i servizi sociali, con 2, 5 milioni di euro garantiti dal Comune di Jesi. L’ambito IX è quello che mette in campo maggiori risorse in tutte le Marche per assicurare servizi». Ciò che vede molto impegnata l’azienda ai servizi alla persona è ora l’emergenza covid:  «Siamo assorbiti da questa fase – ha detto Pesaresi – Abbiamo mantenuto tutti i servizi e le attività durante l’emergenza, cercando di essere presenti con  il personale impegnato in presenza, indipendentemente dal fatto che ci fossero più o meno utenti».

A buon punto l’iter per l’ampliamento della Casa di Riposo di via Gramsci. Pesaresi:  «L’obiettivo è appaltare i lavori entro luglio 2021».

Risultato commentato anche dal presidente dell’Asp Matteo Marasca: «Un traguardo che le amministrazioni perseguono da 20 anni a questa parte – dichiara -. Ora daremo concretezza agli ospiti, finalmente la struttura sarà resa migliore e funzionale con lavori da importi elevati, circa 5-6 milioni di euro». Tutto questo grazie «al rapporto proficuo tra azienda ai servizi alla persona e Comune – aggiunge il presidente Marasca – tante le questioni che sono state risolte insieme». Tra le sfide elencate da Marasca, quella legata al covid «che sta impegnando gli operatori con spirito di sacrificio» e poi altri progetti particolarmente importanti come il Dopo di Noi, le attività per i disabili, l’ex Sprar e così via.

Conclude il sindaco Massimo Bacci affermando che «il walfare jesino è un vero e proprio modello da prendere da esempio sul territorio».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.