Jesi, una decina gli edifici danneggiati dal sisma | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Jesi, una decina gli edifici danneggiati dal sisma

JESI – Sono una decina a Jesi le strutture che hanno riportato conseguenze più o meno gravi a causa del terremoto di fine ottobre. Lo ha sottolineato il dirigente dell’Area Servizi Tecnici, arch. Francesca Sorbatti, alla terza commissione consiliare convocata dal suo presidente, ing. Mauro Magagnini, proprio per fare il punto sulla situazione in città a seguito degli eventi sismici.
L’assessore alla protezione civile Mario Bucci, nel ringraziare l’ing. Magagnini per la convocazione di una commissione specifica così da permettere di dare una prima informativa completa ai consiglieri comunali, ha sottolineato la grande professionalità ed il forte senso del dovere del personale tecnico che fin da subito si è reso pienamente operativo al fine di effettuare le verifiche. Le quali, è bene sottolineare, sono state di natura visita ed avevano come scopo quello di accertare se le scosse avessero variato o meno le condizioni di sicurezza rispetto al periodo antecedente al sisma.
Scendendo nel dettaglio, le verifiche sono risultate in generale tutte positive, tranne per i seguenti immobili.
Asilo Cepi, Via Finlandia – Per tale immobile con ordinanza sindacale è stata disposta la chiusura ed il trasferimento del servizio di prima infanzia in quanto, anche in seguito all’evento sismico, si è riscontrata la presenza di un quadro fessurativo esteso che interessa molte porzioni di muratura portante. Non si potrà utilizzare l’immobile se non dopo un intervento di ristrutturazione complessivo.
Scuola Pergolesi, Corso Matteotti – Non si è ritenuto necessario dichiarare l’inagibilità della struttura ma è necessario, quanto prima, realizzare un intervento di messa in sicurezza mediante posa di tirantature delle facciate. Infatti la parete lungo corso Matteotti evidenzia una fessurazione, millimetrica, che denota un fenomeno di distacco peraltro già presente ma che – con il fenomeno sismico – si è lievemente accentuato.
San Martino – Nello stesso immobile si dovrà provvedere al rifacimento della copertura, prima crollata e poi rimossa in condizioni di somma urgenza, dell’edificio del San Martino: la mancanza dell’orizzontamento lascia la parete completamente priva di vincoli e pertanto “sismicamente instabile”.
Chiesa di San Marco – Si è verificato un distacco dell’intonaco da alcune volte ed archi. Tale fenomeno era già avvenuto precedentemente nonché dopo la scossa dello scorso 26 ottobre. Prima della riapertura sarà necessario verificare che non vi siano porzioni di intonaco che potrebbero distaccarsi.
Casa di riposo – Non si sono evidenziate fessurazioni alle strutture portanti, ma ad alcune tramezzature di notevole estensione. Precauzionalmente alcune stanze sono state sgomberate. Prima di consentirne il riutilizzo sarà necessario effettuare degli interventi di rinforzo e collegamento delle tramezzature alle murature portanti laterali ed ai solai soprastanti.
Sede comunale – L’edificio, contrassegnato dall’unione di più corpi di fabbrica e rimaneggiamenti successivi, presentava già un quadro fessurativo anche se di lieve entità; la scossa sismica ha accentuato alcune situazioni (murature portanti, divisori e cannucciati) che dovranno essere monitorate. Non si è reso necessario lo sgombero di alcun ufficio ma è stato disposto, dall’ufficio segreteria, lo spostamento di alcuni archivi soprattutto ai piani superiori.
Viadotti – I sopralluoghi effettuati hanno messo evidenziato la necessità di intervento sul ponte Granita lungo via Garibaldi e sul ponte San Carlo che conduce al quartiere di Minonna. Le situazioni non sono da ricondurre a fenomeni sismici, quanto a carenza manutentive non oltre rinviabili.
Cimitero Santa Lucia – È stata interdetta una zona del campo IV in quanto il sisma ha contribuito al distacco di porzioni di intonaco di spessore considerevole. Sarà necessario, prima della riapertura, provvedere, alla battitura di tutte le porzioni distaccate.
Cimitero di Tabano – È stata transennata una porzione di un colombario in quanto è stato riscontrato il distacco del nodo trave-pilastro. Il fenomeno, riconducibile ad un problema di fondamenta, si è considerevolmente accentuato.
Polo culturale – Il sisma ha provocato alcuni danni al patrimonio culturale ospitato nei musei cittadini che nono è ancora stato quantificato

Nel corso del dibattito che ne è seguito, i consiglieri presenti, sia di maggioranza che di minoranza, hanno condiviso anche l’idea di indirizzare un aiuto concreto del Comune di Jesi ad una località marchigiana coinvolta pesantemente dal sisma. In tal senso il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi ha ricordato che sono già in corso contatti con la Caritas e la Croce Rossa proprio per una iniziativa unitaria e si è impegnato a riferirne quanto prima ai colleghi consiglieri.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.