Jesi, vetrine spaccate al Torrione e viale Trieste. Carabinieri arrestano ladro | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, vetrine spaccate al Torrione e viale Trieste. Carabinieri arrestano ladro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Notte movimentata a Jesi, dove diversi sono stati i furti messi a segno ai danni di esercizi commerciali: un negozio di scarpe, una lavanderia, un negozio di abbigliamento ed un fotografo, tra il centro commerciale il Torrione e viale Trieste. Colpiti anche una pizzeria in centro e un negozio di fiori a Monsano, in via Sant’Ubaldo.

Il modus operandi sempre lo stesso. Dopo aver infranto la vetrata dei negozi, probabilmente con un tombino estratto dalla strada, sono entrati ed hanno rubato denaro contante,  calzature e materiale fotografico.

Nella lavanderia sono stati asportati 150 euro dalla cassa.

Le vetrine spaccate della lavanderia danneggiata

Ma verso le 05,30 di questa mattina, i militari del Nucleo Radiomobile notano un soggetto conosciuto, di origine giordana,  aggirarsi  con fare sospetto in via Trieste, ove poco prima era stato perpetrato un furto al negozio Fotografo Giaccaglini. Lui tenta di dileguarsi, ma i carabinieri lo bloccano e si accorgono che aveva le mani sporche di sangue.

E’ bastata una breve ispezione del negozio per rinvenire tracce di sangue  sparse un pò ovunque all’interno di esso.

I militari, visto l’inconfutabile coinvolgimento del giovane, eseguono una perquisizione domiciliare presso la sua abitazione ed all’interno rinvengono materiale fotografico occultato in una scatola, con evidente tracce di sangue, asportato poco prima dal negozio di fotografo, insieme alla somma di euro 250,00, prelevata dal registratore di cassa.

Per ulteriori accertamenti, il giovane, ALTOROK Ahmed, cittadino italiano di anni 19, è stato condotto in caserma e, dopo le formalità di rito, è stato dichiarato in arresto perché colto nella  flagranza di reato di furto aggravato.

Dopo il rito direttissimo, celebrato alle ore 12,00 odierne, nei confronti di ALTOROK è stata applicata l’obbligo di firma, in prosecuzione di analoga misura inflittagli in occasione del suo ultimo arresto, avvenuto il 6 novembre 2015 per i reati di violenza e resistenza a P.U.

Attualmente sono in corso accertamenti per verificare la responsabilità dell’arrestato negli altri eventi delittuosi che, come già anticipato, presentano analogie nel modus operandi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.