Matt Cancelleria
Vai al Sito

Jesiamo: debito a -65% senza toccare il sociale, questa è serietà

JESI – Si è svolto ieri l’incontro di presentazione del bilancio comunale 2019, presso la sala ex II Circoscrizione di via San Francesco, alla presenza del sindaco Massimo Bacci, degli assessori e diversi consiglieri. A differenza di molte istituzioni pubbliche e private, spesso in difficoltà negli ultimi anni proprio davanti alla presentazione del bilancio, l’amministrazione jesina, dal 2012 ad oggi, ha messo in campo azioni volte all’abbattimento delle spese anche in previsione della consistente diminuzione delle entrate provenienti dallo stato e dagli oneri di urbanizzazione, senza però andare a toccare il sociale. Davanti a diversi cittadini, il dirigente comunale di settore, ha illustrato una previsione di diminuzione addirittura del 65% del debito da quando il sindaco Bacci, espressione delle quattro liste civiche, si è insediato. In un momento di grande difficoltà per il paese, dove le possibilità di reperire fondi economici diminuiscono giorno dopo giorno, l’abbattimento del debito, di conseguenza degli interessi, è un segnale chiaro e oggettivo di ottima amministrazione.

Nel corso di questo periodo inoltre è stata mantenuta la pressione tributaria da parte del comune, nonostante i diversi investimenti per il futuro già intrapresi, a volte grazie a fondi anche privati intelligentemente intercettati. Si è parlato quindi della nuova scuola Lorenzini, in via di costruzione. Dell’innovativa illuminazione che sta arrivando in città. Di seguito: l’ampliamento e l’adeguamento della casa di riposo, il nuovo centro Alzheimer, la prossima scuola materna, l’adeguamento sismico di altre strutture dedicate all’istruzione, per salvaguardare i nostri figli. La serata è proseguita parlando della futura riqualificazione di corso Matteotti, di nuove telecamera per la videosorveglianza in procinto di arrivare, sempre in accordo con le forze dell’ordine. A brevissimo sarà inaugurato il primo centro regionale per l’autismo, una struttura importantissima aperta a Jesi in via quasi sperimentale. Importanti i 20 milioni investiti nell’area a favore delle persone più deboli, purtroppo in costante aumento, grazie ad una proficua collaborazione con l’ASP. Infine la, da alcuni, criticata tassa di soggiorno. Questa amministrazione l’ha voluta con forza ed il suo gettito, a nemmeno un anno dall’introduzione, fa già registrare circa un 30% in più rispetto alle previsioni ed andrà, tra le altre cose, a spingere le iniziative natalizie e una nuova segnaletica turistica all’avanguardia.
Con serietà e senza fare promesse irrealizzabili, l’amministrazione cittadina guidata da Massimo Bacci ha dato l’ennesima prova di concretezza e differenza rispetto alla vecchia politica.
Associazione Jesiamo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*